Le elettroniche non modificano le capacità cognitive. E se Camilleri svapasse?

Le elettroniche non modificano le capacità cognitive. E se Camilleri svapasse?

E se Andrea Camilleri svapasse? Secondo LIAF riuscirebbe comunque a scrivere magnificamente le storie del Commissario Montalbano.

A dimostrare che la sigaretta elettronica non toglie l’attenzione e la gestualità, infatti, è ancora una volta il team di ricercatori del Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo dell’Università degli Studi di Catania coordinato dal prof. Pasquale Caponnetto.

In uno studio appena pubblicato sulla rivista scientifica “Frontiers in Psychology” i ricercatori hanno valutato l’impatto di 4 tipi di sigaretta elettronica comparati al fumo di sigaretta convenzionale, concentrandosi sull’impatto cognitivo, l’attenzione, l’abilità di problem solving, la gestualità ed il desiderio.

Previous Firenze - Caponnetto: "La realtà virtuale può servire a far smettere di fumare i giovani"
Next Riccardo Polosa a Parigi: "Più buon senso e meno arroganza negli studi sulle e-cig"

About author

Potrebbe interessarti anche

Comunicati stampa 0 Comments

LIAF, Lega Italiana Antifumo, partner del progetto di ricerca europeo U-BIOPRED, dedicato all’asma.

LIAF, Lega Italiana Antifumo, partner del progetto europeo U-BIOPRED, si rende parte attiva per far conoscere i rischi del fumo nei pazienti affetti da asma bronchiale. E’ comprovato che il

Iniziative 2 Comments

VAPE SHOP STUDY: Diventa anche tu Promotore di salute

     VAPE SHOP STUDY TERZO APPUNTAMENTO ………… TRE GIORNI IN STREAMING CON IL VAPE SHOP STUDY  Giovedì 14 Gennaio dalle 14.00 alle 16.00 Giovedì 28 Gennaio dalle 14.00 alle 16.00

L'esperto risponde 1Comments

E-cig e bronchite negli adolescenti. R. Polosa: “Niente dimostra che sintomi riflessi portano a patologie respiratorie”

Riccardo Polosa risponde all’articolo pubblicato sul Corriere della Sera e firmato da Sergio Harari: “Non c’è nulla che dimostri che sintomi riflessi possano condurre a patologie respiratorie vere e proprie”