Firenze – Caponnetto: “La realtà virtuale può servire a far smettere di fumare i giovani”

Firenze – Caponnetto: “La realtà virtuale può servire a far smettere di fumare i giovani”

Pasquale Caponnetto

Discusso a Firenze, nell’ambito del meeting annuale della Società per la Ricerca su Nicotina e Tabacco (SRNT), il progetto di ricerca condotto dai ricercatori LIAF insieme ai tecnici di Behaviour Labs, per far smettere di fumare i fumatori di sigaretta convenzionale con l’ausilio della realtà virtuale.

La realtà virtuale ha mostrato di essere un importante stimolo motivazionale per far smettere di fumare soggetti giovani non intenzionati a farlo” – ha spiegato il prof. Pasquale Caponnetto, dell’Università degli Studi di Catania e coordinatore del Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania.

Gli scienziati hanno sottoposto in questi mesi alcuni soggetti fumatori a 3 stimoli motivazionali: un nuovo pacchetto di sigarette con immagine Shock; un video shock su effetti del fumo nei polmoni e una sessione di realtà virtuale dove si potevano provare via via gli effetti nocivi del fumo nel corso del tempo. Le risposte di ciascun soggetto sono state diverse ma, in particolare, è stato riscontrato un aumento significativo della motivazione a smettere di fumare quando veniva utilizzato lo stimolo virtuale.

Questi risultati sono importanti – ha spiegato Caponnetto – perché consentono di cominciare a ragionare su una nuova via d’uscita dal tabagismo soprattutto per alcune categorie di pazienti dove spesso agiamo con difficoltà. Oggi la realtà virtuale dimostra di essere uno stimolo particolarmente motivante soprattutto sui campioni fumatori giovani, che sono tipicamente i soggetti non interessati a smettere“.

 

Previous Riunione del CEN a Firenze. Polosa: "La standardizzazione delle e-cig come obiettivo strategico"
Next Le elettroniche non modificano le capacità cognitive. E se Camilleri svapasse?

About author

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 100 posts

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo a livello nazionale ed internazionale. Nell’ambito del progetto europeo multicentrico UBIOPRED per lo studio dell'asma grave oggi Valeria si occupa per LIAF della comunicazione e disseminazione dei risultati e degli eventi ad esso legati.

View all posts by this author →

Potrebbe interessarti anche

In evidenza 2 Comments

R. Polosa su Rai 3 per commentare lo studio Oxford: “Smettere di colpo si può”

Catania 30/03/2016 – Il prof. Riccardo Polosa, docente di Medicina Interna dell’Università degli Studi di Catania è stato ospite questa mattina della puntata quotidiana di “Elisir”, lo storico programma di salute e benessere di Rai 3 – condotto da Michele Mirabella con Virginie Vassart – in onda dalle 11:00 alle 12:00 dal lunedì al venerdì .

Iniziative 0 Comments

“Polifumo” il progetto LIAF per sostenere l’attività sportiva in mare

In occasione della manifestazione “Telethon d’aMare. La subacquea fa squadra per Telethon” – organizzata nell’ambito dell’ormai noto evento “Navigando per Trezza” che si svolgerà dal 29 Aprile all’1 Maggio 2016 ad Acitrezza – LIAF quest’anno partecipa all’iniziativa con il progetto “Polifumo” che ha l’obiettivo di sensibilizzare anche le associazioni di subacquei presenti sul territorio sulla prevenzione al tabagismo..

Approfondimenti 0 Comments

A Londra gli esperti concordano: riduzione del rischio ed efficacia delle e-cig sono dimostrate scientificamente

“Studi clinici sulla sigaretta elettronica dimostrano effetti positivi sul consumatore in termini di riduzione del danno e del rischio, sia in soggetti sani che in coloro che soffrono di particolari