Ezio Campagna è il nuovo presidente LIAF

Ezio Campagna è il nuovo presidente LIAF

Dopo tre anni di mandato, portato avanti con grande impegno e costanza, la prof.ssa Lidia Proietti ha lasciato proprio in queste ore la presidenza della LIAF – Lega Italiana Anti Fumo. Al suo posto il dentista catanese, Ezio Campagna. 

Una decisione importante che arriva a seguito della notizia di un’altra missione da portare avanti per la docente catanese che sarà impegnata in questi mesi a rappresentare la nostra organizzazione nell’ambito di importanti appuntamenti istituzionali.

Tanti i temi per i quali l’esperta in politiche antifumo si è battuta in questi anni: dalla regolamentazione prevista dalla nuova normativa, alla pubblicità per i prodotti contenenti tabacco, e dalla tutela dei non fumatori nei luoghi pubblici, sino a quella dei non fumatori nei luoghi di lavoro. Decine le lettere inviate agli organi di competenza nel tentativo, quasi quotidiano, di ricevere supporto e attenzione anche dalle istituzioni sanitarie. Ed ancora, progetti, percorsi formativi e conferenze stampa. Battaglie importanti portate avanti con successo e tra tutte ricordiamo il progetto per rendere gli ospedali liberi dal fumo, che ha visto una concreta applicazione in diverse strutture ospedaliere della penisola, e la denuncia per il tramite di alcuni esponenti politici volta a far applicare il divieto di fumo anche a Montecitorio.

Insomma, anni intensi ma importanti, anni in cui LIAF è cresciuta tanto insieme ai suoi ricercatori e sostenitori. Anni di viaggi e battaglie condotte con un unico obiettivo: aiutare le persone a smettere definitivamente di fumare.

Lidia Proietti consegna a LIAF una grande eredità di iniziative e progetti condotti con entusiasmo e attenzione che non rimarranno senza timoniere.

A succederle, ci sarà il noto dentista siciliano, Ezio Campagna.

Ezio Campagna

Consigliere odontoiatra dell’Albo degli Odontoiatri di Catania e vicepresidente della Fondazione dello stesso ordine, Campagna è impegnato in attività istituzionali ed è peraltro direttore della rivista Catania Medica e referente per la formazione professionale in ambito sanitario.

Legato a LIAF per un rapporto di stima decennale, il nuovo presidente ha sposato più volte le nostre battaglie contro il fumo e nel suo discorso introduttivo ha spiegato: “Molti pensano che denti gialli e alito cattivo siano i soli danni legati al fumo ma non è così. Dobbiamo spiegare ai fumatori che, così come avviene per i denti, il fumo danneggia gli organi di tutto il corpo e può provocare patologie ben più gravi”.

Sono entusiasta di iniziare questo nuovo viaggio – ha poi aggiunto – un percorso di cui mi onoro da oggi di far parte e che spero di condurre nel migliore dei modi. Prendo in mano con orgoglio la presidenza LIAF ma sono anche certo che sarà un lavoro lungo e complesso e per questo spero nella collaborazione dei tanti volontari ed operatori che vorranno sostenerci. Da oggi si aprono le porte di una nuova realtà”.

Previous “Effetto Gateway” - per Polosa "non esistono dati che lo dimostrano"
Next Consultazione Commissione Europea su tassazione e-cig: Facciamo sentire la nostra voce!

About author

Potrebbe interessarti anche

News 0 Comments

Tre uomini e una storia finita … con una bionda

Antonio Martinez  “Ho cominciato per curiosità con le sigarette elettroniche pensando che nulla e nessuno potesse aiutarmi a smettere di fumare le 50 e passa sigarette che accendevo in un

Royal College of Physicians: l’Ordine dei Medici inglesi incoraggia l’uso delle e-cig per ridurre i danni causati dal fumo

Dopo l’agenzia di salute pubblica britannica (PHE), ora anche l’Ordine dei Medici del Regno Unito dice sì alla sigaretta elettronica, promuovendola come sostituto della sigaretta di tabacco. Proprio stamattina, il Royal

Il commento del Prof. Polosa già agli atti del Parlamento australiano

Il commento ufficiale, inviato al Senato australiano dal prof. Riccardo Polosa del Parlamento è stato pubblicato oggi sul sito istituzionale del Parlamento come atto ufficiale consultabile anche dai cittadini, dalle organizzazioni di settore e dai soggetti politici coinvolti. Per Riccardo Polosa: “Siamo sulla buona strada”.