Nuovo studio conferma: le e-cig non sono una moda tra i giovani

Secondo una recente indagine dell’Università del Michigan  il consumo di sigarette elettroniche e narghilè tra i giovani statunitensi è drasticamente diminuito.

Previous Comitato Scientifico LIAF: Non tutte sono sigarette elettroniche, differenze e similitudini
Next Nuovo studio del gruppo di ricerca del Prof. Polosa - Le sigarette elettroniche sono utili nella cura della BPCO

About author

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 99 posts

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo a livello nazionale ed internazionale. Nell’ambito del progetto europeo multicentrico UBIOPRED per lo studio dell'asma grave oggi Valeria si occupa per LIAF della comunicazione e disseminazione dei risultati e degli eventi ad esso legati.

View all posts by this author →

Potrebbe interessarti anche

Nuovo studio e-cig: per il futuro, 21% di morti in meno

Secondo uno studio pubblicato sulla nota rivista scientifica Nicotine & Tobacco Research le elettroniche potrebbero portare ad un calo del 21% delle morti per malattie fumo correlate in tutti i giovani che sono nati dopo il 1997.

Approfondimenti 1Comments

E-cig e polmone: le prove a sostegno di una riduzione del danno provocato dal fumo

Il Responsabile Scientifico LIAF, prof. Riccardo Polosa, dimostra sulla nota rivista scientifica BMC Medicine come il passaggio alla sigaretta elettronica migliori i sintomi respiratori dei fumatori.

E’ ufficiale: le sigarette elettroniche hanno ridotto le vendite di sigarette tradizionali negli USA

Un successo per i medici e ricercatori che da anni si battono in favore delle ecig sostenendone la loro efficacia in termini di riduzione di rischio espositivo e il loro