Nuovo studio conferma: le e-cig non sono una moda tra i giovani

Secondo una recente indagine dell’Università del Michigan  il consumo di sigarette elettroniche e narghilè tra i giovani statunitensi è drasticamente diminuito.

Previous Comitato Scientifico LIAF: Non tutte sono sigarette elettroniche, differenze e similitudini
Next Nuovo studio del gruppo di ricerca del Prof. Polosa - Le sigarette elettroniche sono utili nella cura della BPCO

About author

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 102 posts

<p>Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L’amore e l’interesse nei confronti della formazione dell’opinione pubblica l’hanno portata a collaborare per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo a livello nazionale ed internazionale.<br /> Nell’ambito del progetto europeo multicentrico UBIOPRED per lo studio dell’asma grave oggi Valeria si occupa per LIAF della comunicazione e disseminazione dei risultati e degli eventi ad esso legati.</p>

View all posts by this author →

Potrebbe interessarti anche

Convegno annuale dell’AAAA&I. A Marzo ad Atlanta per parlare di asma e fumo

Si terrà ad Atlanta, dal 3 al 6 Marzo 2017, l’annuale meeting organizzato dall’American Academy di Allergologia, Asma e Immunologia (AAAA&I) che è l’istituzione di riferimento in America e nel mondo per le malattie allergologiche e immunologiche.

Realtà virtuale per smettere di fumare: ecco la prima tesi a supporto del metodo

E’ stata discussa ieri nell’Università degli Studi di Catania la prima tesi di laurea italiana sulla realtà virtuale al servizio della salute e sulle le nuove strategie motivazionali nel trattamento della tobacco addiction. 

Consigli per smettere 1Comments

I 5 alimenti che vi aiutano a smettere di fumare. E quelli che non vi aiutano affatto!

Nel difficile percorso per smettere di fumare, spesso non si considerare che anche i farmaci hanno alla base dei principi attivi che si trovano in natura, e spesso negli alimenti. Con l’aiuto del nostro biologo e nutrizionista, oggi identifichiamo un gruppo di “alimenti antifumo” che possano effettivamente coadiuvarci nell’impresa, spesso ardua, di liberarsi dal vizio. Attenti … c’è anche il cioccolato fondente!