Ecco il primo corso FAD antitabagismo di LIAF. Per gli operatori sanitari vale 50 crediti ECM

Ecco il primo corso FAD antitabagismo di LIAF. Per gli operatori sanitari vale 50 crediti ECM

A Natale LIAF regala opportunità! 

In occasione dell’arrivo delle Feste Natalizie la Lega Italiana Anti Fumo ti offre una occasione in più. Da oggi e fino al 31 Dicembre è possibile iscriversi al corso di formazione a distanza sulle “Nuove frontiere della dipendenza tabagica e suo trattamento”

con una donazione di soli 70,00 euro invece di 150,00!!!

La quota comprende anche la possibilità di richiedere i 50 crediti ECM validi per il 2016 entro il 31 Dicembre!

AFFRETTATI ! 

REGALATI UNA NUOVA OPPORTUNITA’ PER IL TUO FUTURO E PER QUELLO DI CHI TI CIRCONDA!  PARTECIPANDO AL CORSO FAD ANTIFUMO DI LIAF AIUTI TE STESSO, GLI ALTRI E SOSTIENI LA RICERCA! 

 

*******************************************************************

“Le nuove frontiere della dipendenza tabagica e suo trattamento”

è il titolo del primo corso di formazione a distanza (FAD)

realizzato in collaborazione con la

Lega Italiana Anti Fumo, la società Maxilo srl di Catania e la Tueor Servizi

 

Il tema principale del percorso formativo che si può seguire direttamente on-line dal computer di casa propria è legato alla presentazione delle tecniche di Smoking Prevention and Cessation per la tutela della salute dei fumatori e agli interventi “evidence-based” più utili ed efficaci per abbandonare il tabagismo.

Il noto scienziato prof. Riccardo Polosa e i due ricercatori dell’Università degli Studi di Catania, il prof. Pasquale Caponnetto e la dott.ssa Marilena Maglia, nel corso dei 15 capitoli di materiale formativo di cui è composto il corso, affronteranno il tema delle malattie legate al fumo di sigarette convenzionali e delle alternative più utili ed efficaci per smettere.

Obiettivi e formativi sono la formazione e l’aggiornamento degli esperti della salute nella prevenzione e nel trattamento del tabagismo. Un argomento poco noto a molti, sul quale però gli operatori del settore vogliono far luce. Il Corso si propone di dare una panoramica approfondita del problema medico e sociale di estrema attualità rappresentato dal tabagismo.

Saranno trattati soprattutto i seguenti argomenti:

  • Gli interventi clinici e psicologici per smettere di fumare,
  • Il problema della sessualità maschile e della infertilità legata al fumo,
  • Lo stato dell’arte sulle terapie antifumo,
  • L’influenza dell’efficacia del farmaco nella dipendenza tabagica,
  • Gli incentivi utili per smettere di fumare,
  • Come gestire i fumatori che ricadono
  • Il ruolo delle sigarette elettroniche come alternative utile ad abbandonare la sigaretta convenzionale.

L’obiettivo principale è la formazione di operatori sanitari che siano capaci di applicare alcune delle tecniche legate alla Smoking Prevention and Cessation per la tutela della salute dei fumatori e che siano in grado di effettuare interventi “evidence-based” tali da: determinare l’eliminazione o la riduzione dei rischi connessi al fumo di sigaretta; raggiungere con i fumatori una condizione di astinenza permanente o a lungo termine.

In ragione della carenza di percorsi formativi analoghi nel contesto nazionale, ma anche internazionale, i vantaggi formativi di questo percorso sono molteplici ed evidenti e costituiscono la formazione (o l’aggiornamento) di operatori in gradi di entrare nell’ambito delle attività preventive primarie e secondarie di Smoking Prevention and Cessation.

Preso atto del fatto che, purtroppo in Italia e nel mondo, il numero di fumatori è in continuo aumento e le morti legate alle malattie fumo correlate sono a quota 83 mila l’anno solo in Italia (dati 2015). La conoscenza della smoking prevention and cessation consente di operare in diversi contesti socio-sanitari sia pubblici che privati, come ospedali, scuole, cliniche private o private accreditate, studi medici polispecialistici, centri benessere, centri sportivi.

  • Il corso è aperto a tutti gli operatori del settore dell’antitabagismo, impegnati in diverse attività compresa quella della commercializzazione delle sigarette elettroniche. A tal proposito, per i negozianti di sigarette elettroniche che vorranno partecipare al corso ma non hanno necessità di richiedere i crediti ECM, LIAF propone un offerta speciale in più.
  • Se invece sei un operatore sanitario e hai necessità di partecipare e richiedere i crediti ECM, puoi approfittare di questa occasione che ti consente di sostenere la ricerca antifumo e diventare un esperto di smoking cessation. NOVITA’! I crediti  Basta effettuare una donazione di euro 70,00 per ricevere il tuo codice coupon necessario per l’iscrizione al corso. 

 

  • Come partecipare? 

Richiedere l’iscrizione al corso FAD sull’antitabagismo è semplicissimo.

Basta inviare un email a: info@liaf-onlus.org o contattare telefonicamente i seguenti numeri: 095/3781581 oppure 349/1843563 (da lunedì a venerdì dalle ore 10.00 alle ore 18.00). 

Attenzione i posti sono limitati! Affrettatevi!

 

*Il corso è accessibile fino al 31 Dicembre e deve essere completato entro e non oltre questa data!

 

Previous San Francisco 2016. Polosa invitato all'ATS per illustrare i benefici delle e-cigs nella cura delle malattie respiratorie
Next Riparte Vapitaly e Riccardo Polosa torna ospite speciale della manifestazione

About author

Potrebbe interessarti anche

R. Polosa a Las Vegas per parlare di tossicologia delle e-cig

Si sta svolgendo proprio in questi giorni a Las Vegas, in Nevada, il 36esimo Meeting Annuale dell’American College of Toxicology che riunisce ogni anno scienziati di tutto il mondo per parlare di Tossicologia

Il Times chiede scusa agli scienziati. Tra loro anche Riccardo Polosa

Il “The Times” chiede scusa a Riccardo Polosa ed ad altri quattro noti esperti di salute pubblica per le diffamanti accuse pubblicate il 12 Ottobre scorso in una serie di articoli comparsi sul noto

Iniziative 0 Comments

53 esperti scrivono all’Oms: «Le e-cig aiutano a ridurre i danni». Tra loro gli italiani Polosa, Tirelli e Veronesi

Un gruppo internazionale di 53 scienziati di cui fa parte anche il prof. Riccardo Polosa, direttore scientifico di LIAF ha scritto ai vertici dell’Organizzazione mondiale della sanità per sventare il