R. Polosa su dripping: “Lo studio è viziato da una definizione vaga”

R. Polosa su dripping: “Lo studio è viziato da una definizione vaga”

Pubblicato su Pediatrics il commento del prof. Riccardo Polosa allo studio della Yale University School of Medicine sul fenomeno del dripping e sulla sua diffusione tra i giovani studenti statunitensi.

Per il prof. Polosa, che ricordiamo è considerato l’autore più produttivo al mondo nel campo della ricerca applicata alla sigaretta elettronica: “L’interpretazione dei risultati dello studio è viziata da una definizione vaga del fenomeno del dripping. Il concetto – spiega lo scienziato catanese – non è sufficientemente definito ed è probabile la maggior parte degli intervistati abbia frainteso le domande di un questionario già costruito male nella forma”.

Clicca qui per leggere il commento integrale

 

Previous Il nuovo libro sulle e-cig scala le classifiche di Amazon
Next Sosteniamo il nostro prof. Polosa nella sua nuova candidatura all'oscar

About author

Potrebbe interessarti anche

Approfondimenti 0 Comments

Secondo giorno al COP 7. Gli scienziati: “La nostra missione è la riduzione del danno”

Al via da oggi il COP 7 – la Settima Conferenza delle Parti organizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che si sta svolgendo proprio in queste ore in India, a Nuova Delhi. L’incontro, al quale partecipano esperti del settore e rappresentanti istituzionali di tutto il mondo, si concluderà sabato 12 novembre e affronterà le tematiche relative alle politiche di controllo del tabacco che cambieranno l’assetto politico sanitario di molti dei Paesi coinvolti.

Paternita’ a Rischio – Sigarette Tossiche per gli Spermatozoi

Che il fumo di sigaretta sia dannoso per la salute e aumenti l’incidenza di patologie killer come ad esempio il tumore al polmone è fatto arcinoto. Tuttavia, tra gli effetti

In evidenza 0 Comments

La voglia di fumare si sconfigge con la serenità

“La voglia di fumare si sconfigge con la serenità” – se questo concetto vi sembrerà banale, leggendo questo articolo capirete che non lo è per nulla.
La voglia di fumare è una richiesta urgente delle nostre strutture sub-corticali di alleviare qualsiasi disagio, banale o serio esso sia masi può combattere con un lavoro su noi stessi, un lavoro che ci aiuti a ritrovare una semplice serenità.