R. Polosa su dripping: “Lo studio è viziato da una definizione vaga”

R. Polosa su dripping: “Lo studio è viziato da una definizione vaga”

Pubblicato su Pediatrics il commento del prof. Riccardo Polosa allo studio della Yale University School of Medicine sul fenomeno del dripping e sulla sua diffusione tra i giovani studenti statunitensi.

Per il prof. Polosa, che ricordiamo è considerato l’autore più produttivo al mondo nel campo della ricerca applicata alla sigaretta elettronica: “L’interpretazione dei risultati dello studio è viziata da una definizione vaga del fenomeno del dripping. Il concetto – spiega lo scienziato catanese – non è sufficientemente definito ed è probabile la maggior parte degli intervistati abbia frainteso le domande di un questionario già costruito male nella forma”.

Clicca qui per leggere il commento integrale

 

Previous Il nuovo libro sulle e-cig scala le classifiche di Amazon
Next Sosteniamo il nostro prof. Polosa nella sua nuova candidatura all'oscar

About author

Potrebbe interessarti anche

In evidenza 2 Comments

R. Polosa su Rai 3 per commentare lo studio Oxford: “Smettere di colpo si può”

Catania 30/03/2016 – Il prof. Riccardo Polosa, docente di Medicina Interna dell’Università degli Studi di Catania è stato ospite questa mattina della puntata quotidiana di “Elisir”, lo storico programma di salute e benessere di Rai 3 – condotto da Michele Mirabella con Virginie Vassart – in onda dalle 11:00 alle 12:00 dal lunedì al venerdì .

In evidenza 1Comments

Università – Al Policlinico di Catania un seminario sulla prevenzione al tabagismo

All’Università degli Studi di Catania oggi è stato il giorno della prevenzione al tabagismo. Si è tenuta, infatti, nell’Aula Magna del “Policlinico Vittorio Emanuele” di Catania l’ADE rivolta agli studenti di medicina dell’ateneo dal titolo: “Tabagismo: interventi per la prevenzione a breve termine”.

Rinosinusite cronica? Evitate il fumo passivo

L’esposizione al fumo passivo è collegata alla rinosinusite cronica. Questo il risultato di uno studio pubblicato su “Archives of Otolaryngology – Head & Neck Surgery”. “Nonostante ci sia una chiara