Riunione del CEN a Firenze. Polosa: “La standardizzazione delle e-cig come obiettivo strategico”

Riunione del CEN a Firenze. Polosa: “La standardizzazione delle e-cig come obiettivo strategico”

L’obiettivo di questi mesi è concludere quanto prima il processo di standardizzazione delle e-cig” – è con questa affermazione che il prof. Riccardo Polosa ha introdotto i lavori del meeting del tavolo tecnico CEN/TC 437 “Electronic cigarettes and e-liquids” del Comitato Europeo di Normazione che si è tenuto in questi giorni a Firenze.

Già da tempo coordinatore del WG4, il gruppo di lavoro dedicato allo sviluppo di requisiti e test per le emissioni provenienti dalle sigarette elettroniche, Polosa ha più volte sottolineato l’importanza strategica di dover stabilire in fretta le condizioni e i parametri degli strumenti necessari per generare le emissioni e le modalità per misurarne la quantità e la qualità.

L’incontro fiorentino ha sancito, in tal senso, una netta accelerazione del lavoro svolto dai vari soggetti coinvolti. I gruppi di lavoro, infatti, hanno presentato diversi progetti che saranno ora sottoposti all’approvazione dei rispettivi National Standard Bodies (n.d.r. i comitati di normazione a livello nazionale – per es. UNI per l ‘Italia).

Una normazione equa e proporzionata aiuterà a disattivare gli attacchi mediatici anti sigaretta elettroniva e potrà aiutare a stabilire una giusta regolamentazione anche in quei Stati dove ancora persiste un vuoto normativo.

“I rischi per i consumatori possono essere affrontati solo richiedendo ai produttori di garantire la massima sicurezza e qualità dei prodotti – ha spiegato Polosa – e questo porterà ad una maggiore diffusione del prodotto quale strumento alternativo al fumo di sigaretta convenzionale”.

“Nonostante le bufale mediatiche che ormai ci siamo abituati a commentare – ha concluso lo scienziato catanese – oggi più che mai i consumatori hanno bisogno di verità e di certezze”.

 

 

 

 

Previous R. Polosa su dripping: "Lo studio è viziato da una definizione vaga"
Next Firenze - Caponnetto: "La realtà virtuale può servire a far smettere di fumare i giovani"

About author

Potrebbe interessarti anche

Approfondimenti 0 Comments

Estate, quando il tuo vicino di casa fuma in continuazione

Tra le tante domande che arrivano ai nostri esperti LIAF, una di certo è quella più frequente: “Il mio vicino di casa fuma in continuazione e il suo fumo arriva sempre dentro casa mia. Come faccio?”. A rispondere è il dott. Venerando Rapisarda

Iniziative 1Comments

Università – Al Policlinico di Catania un seminario sulla prevenzione al tabagismo

All’Università degli Studi di Catania oggi è stato il giorno della prevenzione al tabagismo. Si è tenuta, infatti, nell’Aula Magna del “Policlinico Vittorio Emanuele” di Catania l’ADE rivolta agli studenti di medicina dell’ateneo dal titolo: “Tabagismo: interventi per la prevenzione a breve termine”.

I nostri ricercatori 0 Comments

Centro Antifumo di Catania e Università di New York insieme per un nuovo progetto

Partirà a breve, infatti, il nuovo progetto di ricerca che ha l’obiettivo di valutare l’efficacia nel tempo dell’utilizzo della sigaretta elettronica tra i pazienti fumatori affetti da schizofrenia. La possibilità di utilizzare uno strumento alternativo al fumo di sigaretta convenzionale, consentirebbe a questi soggetti di ridurre i danni nel tempo senza abbandonare drasticamente la gestualità tipica legata al fumo della bionda.