31 MAGGIO 2018: AL POLICLINICO VITTORIO EMANUELE VISITE GRATUITE PER SMETTERE DI FUMARE

31 MAGGIO 2018: AL POLICLINICO VITTORIO EMANUELE VISITE GRATUITE PER SMETTERE DI FUMARE

Visite gratuite per i fumatori che vogliono smettere. Giovedì 31 Maggio dalle ore 8 alle ore 13, in occasione del No Tobacco Day 2018, il CPCT – Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania effettuerà visite gratuite per i fumatori intenzionati a smettere.

Entrare nel percorso di uscita dal tabagismo, con la consulenza di un esperto, è la scelta più giusta per dire stop alla dipendenza della sigaretta. “L’esposizione protratta al fumo di sigaretta provoca una vasta gamma di malattie fatali, tra cui il cancro del polmone, BPCO e infarto del miocardio – spiega il prof. Riccardo Polosa, docente di Medicina Interna e direttore del CPCT del Policlinico – e, sebbene questi pericoli siano ben noti, milioni di persone continuano a fumare. Per smettere definitivamente, è importante assistere chi non riesce da solo e avviarlo/la a persorsi di disassuefazione personalizzati”.

Ogni anno in Europa muoiono ben 700.000 persone a causa di malattie fumo correlate: “Ma l’80% di questi decessi sarebbe evitabile con una attività di prevenzione attenta e costante” – ha aggiunto il prof. Pasquale Caponnetto, coordinatore del CPCT.

Grazie ai numerosi studi condotti dal team guidato da Riccardo Polosa, l’Università degli Studi di Catania ricopre un ruolo di primo piano nel campo della ricerca sul fumo.

Oggi, l’Ateneo è sede del primo Centro di Ricerca per la Riduzione del danno da fumo (CoEHAR). L’Istituto – che sarà inaugurato a breve nei locali della Torre Biologica – è stato posto sotto la guida dello stesso Polosa ed è composto da un team di esperti provenienti da tutto l’Ateneo. L’obiettivo è analizzare gli effetti e i danni prodotti dal fumo di tabacco e studiare le strategie più efficaci per ridurre il rischio grazie all’impiego di nuove tecnologie.

Abbiamo voluto creare un centro di ricerca dedicato allo sviluppo di progettualità fortemente improntate alla lotta contro il fumo. Il centro sarà incubatore di idee e progetti, accoglierà esperti provenienti da tutto il mondo e porterà all’estero i risultati e gli sforzi di tantissimi ricercatori catanesi. Una forza scientifica internazionale che esploderà proprio ai piedi dell’Etna” – ha aggiunto lo scienziato catanese.

L’open day del Centro Antifumo, infine, rientra nell’ambito delle attività antifumo l’U.O. di Educazione e Promozione della salute di concerto con l’U.O. di Igiene e Medicina Preventiva del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania che per la Settimana Senza Fumo del 2018 promuove una serie di incontri presso alcune unità operative della struttura ospedaliera durante i quali i pazienti saranno invitati ad effettuare dei test motivazionali (il test di Fagerström, il questionario sulla motivazione ed il Diario del fumatore) che aiutano a riflettere sulla paura di soffrire e di fallire e sulle risorse alternative da cui ripartire.

 

Per prenotare la visita gratuita del 31.05.2018 al CPCT del Policlinico contattare il numero 095.3781537 oppure inviare email a [email protected].

 

 

Contatti

ufficio stampa e comunicazione

Valeria Nicolosi: 349 1843563

Previous 40% di fumatori in meno, in Islanda è successo
Next Giornata mondiale antifumo 2018: ecco i 10 consigli utili per smettere di fumare

About author

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 138 posts

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

View all posts by this author →

Potrebbe interessarti anche