Vaping is not Tobacco! Partecipa alla petizione

Vaping is not Tobacco! Partecipa alla petizione

Vaping is not Tobacco è on line! L’iniziativa dei cittadini europei (ICE) è accessibile dal sito https://vapingisnottobacco.eu/it/

Anche LIAF, insieme ad altre associazioni, sostiene la petizione!

E’ possibile esprimere il proprio voto per chiedere una regolamentazione delle sigarette elettroniche più equa e basata sulle evidenze scientifiche. Per firmare la petizione occorre entrare nel sito e inserire i dati personali e gli estremi di un documento d’identità.

L’obiettivo degli organizzatori è di raggiungere 1 milione di firme entro il 19 febbraio 2020. Ogni Paese membro è però vincolato ad un numero minimo di firme: l’Italia deve arrivare a 54.750.

Affinché la petizione possa essere presa in considerazione, occorre che almeno 7 Paesi raggiungano il target. 

E’ davvero importante partecipare. Sappiamo che le sigarette elettroniche sono per il 95% meno dannose rispetto alle sigarette convenzionali. L’utilizzo di questo strumento per smettere di fumare riduce il danno anche in pazienti affetti da particolari patologie come ipertensione arteriosa, diabete e schizofrenia. Smettere è possibile grazie alle elettroniche e i tassi di diminuzione dell’abitudine al tabagismo in Paesi come Inghilterra e Stati Uniti, dove l’uso di ecig è stato promosso come strumento meno dannoso, ne sono la dimostrazione tangibile.

L’iniziativa europea voluta anche dal presidente di Vapitaly, Mosè Giacomello, si prefigge di “abrogare l’articolo 20 della direttiva 2014/40/UE e sostituirlo con una normativa su misura, basata su prove scientifiche, in linea con il funzionamento del mercato interno, che distingua i prodotti del fumo elettronico dai prodotti del tabacco e dai prodotti farmaceutici; garantire una nuova legislazione basata sul rispetto obbligatorio di norme rigorose in materia di qualità, sicurezza e fabbricazione dei prodotti, nonché su pratiche commerciali responsabili che garantiscano la tutela dei giovani; la politica in materia di fumo elettronico dovrebbe promuovere l’innovazione e garantire che i fumatori e gli utenti delle sigarette elettroniche abbiano informazioni chiare e accesso ad alternative senza tabacco meno nocive”

Oltre alla petizione, sul sito è presente una sezione attraverso cui poter contattare il candidato del proprio territorio alle elezioni europee.

Precedente Sono un iperteso ma da quando ho smesso mi sento meglio
Prossimo FDA approva la vendita di IQOS in America. Polosa, Tirelli e Beatrice commentano

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 220 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Polmonite lipoidea per chi svapa? Risponde il prof. Polosa

Dopo aver letto, sui nostri canali social, di molti utenti preoccupati della possibilità che lo svapo di sigarette elettroniche possa causare la polmonite lipoidea, abbiamo chiesto al prof. Riccardo Polosa, responsabile scientifico LIAF e tra i maggiori esperti di malattie respiratorie al mondo, di rispondere alle nostre domande in merito.

News

Italia: Paese modello nella lotta contro il fumo in Europa

Il Parlamento dell’Unione Europea, con una risoluzione del mese di luglio 2007, ha invitato tutti gli Stati del vecchio continente ad adottare in materia di lotta al fumo una normativa

In evidenza

Global Forum on Nicotine 2015

Scienza e politica sulla nicotina si incontrano nuovamente a Varsavia, il 5 e 6 giugno 2015, per il secondo Forum Mondiale sulla Nicotina. “Un finale diverso”, tema dell’anno, è quello si potrebbe garantire a milioni di vite se i prodotti nicotinici a basso rischio venissero adeguatamente regolamentati.