A Expo Bimbo 2015 riparte STOP ALLE SIGARETTE!

A Expo Bimbo 2015 riparte STOP ALLE SIGARETTE!

Vuoi smettere di fumare e stai cercando una soluzione innovativa? Al “Policlinico Vittorio Emanuele” di Catania il progetto per dire “STOP!” alle sigarette convenzionali. 

Dopo il successo dell’edizione passata, continua il progetto per dire “STOP” alle sigarette convenzionali, promosso dalla Lega Italiana Antifumo in collaborazione con l’Università degli Studi di Catania, leader mondiale nella lotta al tabagismo, e il Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo (CPCT) del “Policlinico Vittorio – Emanuele”.

“STOP alle sigarette” offre ai pazienti un percorso di supporto psicologico e clinico, nel rispetto dei tempi e delle esigenze di ogni fumatore, attraverso il quale sarà possibile utilizzare tutti gli strumenti alternativi alla sigaretta convenzionale per riuscire a trovare quello più adatto alle proprie esigenze. Si tratta di un progetto di ricerca che offre ad ogni paziente la possibilità di entrare a far parte di un percorso medico assistenziale, utile per smettere di fumare più velocemente grazie alla consulenza personalizzata di medici esperti nel counselling antifumo. Il progetto è aperto a tutti i fumatori, residenti nella provincia di Catania e partecipare è semplicissimo, basta compilare il modulo di iscrizione presente sul sito www.liaf-onlus.org.

Ogni anno, solo in Europa, si stimano circa 700 mila morti per malattie fumo correlate. Una piaga che deve essere fermata.

DOMENICA 18 OTTOBRE TI ASPETTIAMO A EXPO BIMBO 

12004732_1124604354219592_5283694921126340874_nDomenica 18 Ottobre 2015 (dalle ore 9.30 alle 13.30) gli specialisti del Centro Antifumo saranno presenti alla fiera annuale EXPO BIMBO 2015 nel Centro fieristico di Etnapolis. Un appuntamento importante durante il quale sarà possibile eseguire il test del monossido di carbonio per verificare il grado di inquinamento dei propri polmoni e prenotare una visita gratuita negli ambulatori antifumo dell’Azienda Ospedaliera Vittorio Emanuele di Catania.

 

SCARICA IL MODULO DI ISCRIZIONE

E INVIALO A info@liaf-onlus.org

 

foto-proietti

Prof.ssa LIDIA PROIETTI, presidente LIAF: “Si tratta di una grande opportunità per tutti fumatori della provincia etnea, una importante occasione per farsi accompagnare davanti l’agognata porta d’uscita dal fumo”.

204

Prof. RICCARDO POLOSA, direttore scientifico LIAF e docente di Medicina Interna nell’Università degli Studi di Catania: “STOP è importante anche per sostenere i nostri ricercatori, che all’interno dei laboratori del Policlinico cercano quotidianamente di trovare una soluzione definitiva per far smettere di fumare milioni di persone”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Precedente Expo Bimbo 2015, LIAF torna ad Etnapolis con grandi novità
Prossimo Maratona Expo Bimbo: il programma dello stand "Policlinico-LIAF"

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

GTNF 2018 a Londra, l’atteso intervento del prof. Polosa

“Stiamo attraversando un periodo di cambiamento epocale e, come molti sanno, da un cambiamento può nascere una grande opportunità – ha detto Polosa intervenendo alla conferenza stampa d’apertura della manifestazione. – seguire questo cambiamento però – ha spiegato – significa anche monitorare i percorsi della scienza e criticarli nel modo più giusto”

Consigli per smettere

Danni del fumo sulla pelle? Risponde la dermatologa delle vip

Al via la nuova rubrica “Stare bene senza fumo” che vi accompagnerà per cinque settimane con delle interviste speciali ad esperti di varie branche della medicina. Si parte con la dott.ssa Chantal Sciuto, la dermatologa delle vip che parla dei danni causati dal fumo sulla pelle.

Comunicati stampa

Il commento del Comitato Scientifico sul report OMS sulle sigarette elettroniche

Mentre a Nuova Delhi procede il COP 7 – la Settima Conferenza delle Parti promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il “Comitato Scientifico Internazionale per la Ricerca sulla Sigaretta Elettronica” prendendo spunto dalle risposte che alcuni rappresentanti della comunità scientifica internazionale hanno fornito con un documento ufficiale firmato da diversi esperti del mondo accademico e scientifico si è sentito in dovere di diffondere anche in Italia i principi più importanti del documento che risponde punto per punto al report sull’e-cig diffuso lo scorso settembre dall’OMS.