Adolescenti: poco attratti dalle sigarette elettroniche

Adolescenti: poco attratti dalle sigarette elettroniche

Una indagine preliminare svolta da LIAF e Università di Catania sembra svelare che gli adolescenti pur conoscendo bene le sigarette elettroniche non sono attratti dall’utilizzarle.
Ecco le conclusioni dell’indagine svolta da LIAF in collaborazione con il Centro Prevenzione e Cura dell’Università di Catania per indagare la percezione degli adolescenti sulle sigarette elettroniche.
<<Dall’analisi dei risultati emerge che il fenomeno della sigaretta elettronica è sempre più noto tra la popolazione giovanile. Il 42% (53 soggetti) dei giovani che hanno risposto al questionario, ritiene che la sigaretta elettronica non sia una porta d’ingresso per il tabagismo, il 58% (73 soggetti fra cui 6 fumatori) ritiene invece che potrebbe aprire la strada al consumo di sigarette tradizionali. Probabilmente la componente gestuale della sigaretta elettronica richiama la dipendenza dalle sigarette tradizionali.
La maggior parte del campione, costituito da 130 studenti, conosce le sigarette elettroniche e le percepisce meno dannose per la salute rispetto alle sigarette tradizionali. Solo il 5% (9 persone) le ha utilizzate . Fra questi tre erano fumatori di tabacco.
Questi dati fanno presupporre che la sigaretta elettronica sebbene sia conosciuta tuttavia è poco o per nulla usata tra la popolazione adolescenziale>>.
Precedente Antifumo: la scuola diventa luogo di prevenzione
Prossimo Tabacco da masticare: a sostegno degli SNUS una lettera all'UE

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

La doppia faccia del nuovo Decreto tabacchi: temuta escalation di prezzi per il fumo elettronico

Il nuovo decreto tabacchi sembra foriero di buone notizie, ma in realtà nasconde, e in maniera subdola, l’ennesima pugnalata al settore delle sigarette elettroniche facendo solo gli interessi delle multinazionali

Iniziative

Riccardo Polosa partecipa all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Riccardo Polosa domani a New York parteciperà alla Terza Assemblea Generale delle Nazione Unite sulle malattie non trasmissibili istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Un’occasione unica per il docente dell’Università di Catania che interverrà come autorevole membro della comunità scientifica internazionale per parlare di politiche di salute pubblica e di interventi necessari a ridurre l’impatto del fumo nel mondo.

In evidenza

Nasce il Comitato Scientifico in sostegno delle sigarette elettroniche in ambito di salute pubblica

Uniti nel sostenere la diffusione delle sigarette elettroniche come prodotto meno nocivo per la salute pubblica, i più autorevoli scienziati italiani e internazionali tra cui il Professor Umberto Veronesi, coordinati dal Prof Riccardo Polosa, si impegnano per la ricerca e per una corretta informazione basata sulle evidenze scientifiche.