Andrea Scacchi: “Sono uno svapatore per caso”

Mi chiamo Andrea, ho 39 anni e sono uno svapatore dal 18 Luglio 2012, data a me particolarmente cara e che credo ricorderò per il resto della mia vita come festa della mia liberazione personale dalla schiavitù del tabacco.

Sono stato un fumatore per 24 anni, ho cominciato a 13 anni come tanti bambini fanno per giocare a fare il grande.

Fumavo un pacchetto al giorno, stavo male ma non mi importava, mi piaceva fumare. Non ho avuto mai intenzione di smettere, come ho detto fumare non era solo un bisogno fisico, mi piaceva. Ho conosciuto la sigaretta elettronica per caso vedendo un signore svapare su un aereo e mi sono detto deve essere mia … viaggio spesso per lavoro con voli di molte ore ed ogni volta facevo il plieno di nicorette, caramelle alla nicotina, gel alla nicotina, etc… rischiando inconsapevolmente anche effetti collaterali da sovradosaggio di nicotina di cui ignoravo la pericolosità, cosa che ho poi scoperto e approfondito quando mi sono avvicinato all’ecig.

Come dicevo, ho comprato la mia prima ecig non per smettere di fumare o per ridurre le sigarette giornaliere ma per poter fumare in volo, invece sin dal primo giorno di utilizzo cosi tanto per provare come funzionava e non farmi trovare impreparato sull’aereo, mi sono ritrovato a fumare 2 sole sigarette senza neanche rendermene conto.

La cosa mi ha sorprendentemente sorpreso ma non gli ho dato peso, credevo fosse l’entusiasmo della novità e che il giorno dopo avrei ripreso a fumare normalmente. Invece è andata diversamente da quanto mi aspettassi, gia dal giorno dopo non avevo molta voglia di fumare, mi piaceva di piu svapare, ho finito il pacchetto che avevo fumando quasi controvoglia le ultime sigarette rimaste dopo il pranzo e dopo cena e finito il pacchetto non l’ho piu ricomprato.

Gia dalla prima e seconda settimana cominciavo a sentirmi anche meglio fisicamente, non avevo piu l’affanno salendo le scale, potevo finalmente respirare a pieni polmoni senza tossire, la mattina quando aprivo gli occhi non dovevo correre al bagno in preda alla tosse per espellere il catrame accumulato il giorno prima, cominciavo a riscoprire sapori ed odori che neanche piu ricordavo e per la prima volta da quando ho cominciato a fumare ho avvertito il senso di nausea provocato dal fumo passivo di un altro fumatore, è stato uno shock.

Questa è la storia di uno svapatore per caso, grazie all’ecig mi sono ritrovato “mio malgrado” ad abbandonare una dipendenza orribile ma piacevole che non avevo assolutamente intenzione di abbandonare, infatti l’ho sostituita con un’altra molto piu blanda e decisamente meno dannosa migliorando di molto la mia qualità di vita e delle persone che mi sono vicine.

 

Saluti da uno svapatore per caso

Andrea Scacchi

Precedente Bronchiolite obliterante e diacetile: pericolo e-cig? Risponde il prof. Polosa
Prossimo Nuovo decreto tabacchi. Il presidente Proietti: “No al divieto di vendita di pacchetti da 10, possono servire a chi vuole smettere di fumare”

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

In America ancora fumatori in calo

A Marzo, le vendite di sigarette in America hanno subito un fortissimo calo dovuto ad un numero sempre crescente di fumatori che abbandona la sigaretta tradizionale per passare al vaping.

Comunicati stampa

Il commento del Comitato Scientifico sul report OMS sulle sigarette elettroniche

Mentre a Nuova Delhi procede il COP 7 – la Settima Conferenza delle Parti promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il “Comitato Scientifico Internazionale per la Ricerca sulla Sigaretta Elettronica” prendendo spunto dalle risposte che alcuni rappresentanti della comunità scientifica internazionale hanno fornito con un documento ufficiale firmato da diversi esperti del mondo accademico e scientifico si è sentito in dovere di diffondere anche in Italia i principi più importanti del documento che risponde punto per punto al report sull’e-cig diffuso lo scorso settembre dall’OMS.

Iniziative

Polosa al simposio internazionale sulle e-cig: “Potranno essere usate per somministrare farmaci”

In Francia, in queste ore, il Simposio internazionale dedicato alle sigarette elettroniche per smettere di fumare. Tra i relatori c’è anche Riccardo Polosa, con l’atteso intervento sulle future applicazioni della sigaretta elettronica alla medicina: “Le elettroniche potrebbero essere impiegate anche nella somministrazione di farmaci, assicurando una migliore efficacia, semplificando i metodi tradizionali e soprattutto assicurando una maggiore aderenza per i pazienti”.