Andrea Scacchi: “Sono uno svapatore per caso”

Mi chiamo Andrea, ho 39 anni e sono uno svapatore dal 18 Luglio 2012, data a me particolarmente cara e che credo ricorderò per il resto della mia vita come festa della mia liberazione personale dalla schiavitù del tabacco.

Sono stato un fumatore per 24 anni, ho cominciato a 13 anni come tanti bambini fanno per giocare a fare il grande.

Fumavo un pacchetto al giorno, stavo male ma non mi importava, mi piaceva fumare. Non ho avuto mai intenzione di smettere, come ho detto fumare non era solo un bisogno fisico, mi piaceva. Ho conosciuto la sigaretta elettronica per caso vedendo un signore svapare su un aereo e mi sono detto deve essere mia … viaggio spesso per lavoro con voli di molte ore ed ogni volta facevo il plieno di nicorette, caramelle alla nicotina, gel alla nicotina, etc… rischiando inconsapevolmente anche effetti collaterali da sovradosaggio di nicotina di cui ignoravo la pericolosità, cosa che ho poi scoperto e approfondito quando mi sono avvicinato all’ecig.

Come dicevo, ho comprato la mia prima ecig non per smettere di fumare o per ridurre le sigarette giornaliere ma per poter fumare in volo, invece sin dal primo giorno di utilizzo cosi tanto per provare come funzionava e non farmi trovare impreparato sull’aereo, mi sono ritrovato a fumare 2 sole sigarette senza neanche rendermene conto.

La cosa mi ha sorprendentemente sorpreso ma non gli ho dato peso, credevo fosse l’entusiasmo della novità e che il giorno dopo avrei ripreso a fumare normalmente. Invece è andata diversamente da quanto mi aspettassi, gia dal giorno dopo non avevo molta voglia di fumare, mi piaceva di piu svapare, ho finito il pacchetto che avevo fumando quasi controvoglia le ultime sigarette rimaste dopo il pranzo e dopo cena e finito il pacchetto non l’ho piu ricomprato.

Gia dalla prima e seconda settimana cominciavo a sentirmi anche meglio fisicamente, non avevo piu l’affanno salendo le scale, potevo finalmente respirare a pieni polmoni senza tossire, la mattina quando aprivo gli occhi non dovevo correre al bagno in preda alla tosse per espellere il catrame accumulato il giorno prima, cominciavo a riscoprire sapori ed odori che neanche piu ricordavo e per la prima volta da quando ho cominciato a fumare ho avvertito il senso di nausea provocato dal fumo passivo di un altro fumatore, è stato uno shock.

Questa è la storia di uno svapatore per caso, grazie all’ecig mi sono ritrovato “mio malgrado” ad abbandonare una dipendenza orribile ma piacevole che non avevo assolutamente intenzione di abbandonare, infatti l’ho sostituita con un’altra molto piu blanda e decisamente meno dannosa migliorando di molto la mia qualità di vita e delle persone che mi sono vicine.

 

Saluti da uno svapatore per caso

Andrea Scacchi

Precedente Bronchiolite obliterante e diacetile: pericolo e-cig? Risponde il prof. Polosa
Prossimo Nuovo decreto tabacchi. Il presidente Proietti: “No al divieto di vendita di pacchetti da 10, possono servire a chi vuole smettere di fumare”

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Acitrezza (CT) – Dal 29 Aprile al 1 Maggio LIAF partecipa a Telethon D’Amare

Dal 29 Aprile all’1 Maggio anche la Lega Italiana Anti Fumo partecipa all’iniziativa “Telethon d’aMare” che si terrà nello splendido scenario di Acitrezza nell’ambito della manifestazione ‘Navigando per Trezza’ ”. Attività subacquea e ricerca scientifica collaboreranno insieme per la riuscita di uno degli eventi più attesi dell’anno.

In evidenza

Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

Dal 2018 la Santa Sede smetterà di vendere (con lo sconto) sigarette ai propri dipendenti, religiosi e diplomatici. Questa è la clamorosa notizia delle ultime ore. “Una decisione di portata epocale che potrebbe

In evidenza

IL 20 DICEMBRE APRE A CATANIA IL PRIMO CENTRO DI RICERCA PER LA RIDUZIONE DEL DANNO DA FUMO

Giovedì 20 Dicembre alle ore 10 nell’Aula Magna della Torre Biologicadell’Università degli Studi di Catania si terrà la cerimonia inaugurale delle attività del CoEHAR, il Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo (CoEHAR) diretto dal prof. Riccardo Polosa.