Antifumo: campagna di sensibilizzazione per i bambini della Scuola Calcio Catania

Antifumo: campagna di sensibilizzazione per i bambini della Scuola Calcio Catania

LIAF-Onlus Lega Italiana Antifumo, in collaborazione con il Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania, ha recentemente presentato a Roma al Congresso Nazionale della Società di Medicina Interna, i risultati del progetto “Primi calci al fumo”, vincitore del Premio Uliveto per la Medicina dello Sport.
Il progetto aveva come obiettivo la sensibilizzazione sul problema del tabagismo ed era destinato ai bambini tra i 5 e i 10 anni delle Scuola Calcio Catania, con l’intento di spingere i genitori fumatori, a smettere.
Lo studio ha previsto il reclutamento di 132 bambini a cui, durante gli incontri di gruppo con i medici e psicologi esperti in cure antitabagiche, sono state date brochure informative dell’OSSFAD, (l’Osservatorio Fumo Alcool e Droga dell’Istituto Superiore di Sanità).
I bambini sono stati così informati su danni del fumo ed è stato chiesto loro di dare ai genitori gli opuscoli invogliandoli a smettere di fumare e facendo presente la possibilità di recarsi gratuitamente presso il Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania, AOU “Policlinico-Vittorio Emanuele”.
Sono stati 78 gli adulti che hanno effettuato le visite antifumo, 41 donne e 37 uomini.
A tre mesi il 61.5% aveva smesso di fumare e dopo sei mesi il 53.8%.
I dati dimostrano quindi che i bambini hanno avuto un ottima influenza nel suggerire ai genitori di smettere di fumare.
<< Ci riteniamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti – afferma il Dott. Davide Campagna responsabile del progetto per il CPCT dell’Università di Catania – contiamo infatti di ripetere questa esperienza in futuro>>.
<< Poter trasmettere ai giovanissimi valori sani, quali l’importanza di non fumare, è uno dei principali obiettivi della nostra campagna antifumo – ha affermato il Dott. Pasquale Caponnetto Psicologo Clinico e Ricercatore dell’Università di Catania e LIAF>>.
<<I dati di cessazione ottenuti sono molto positivi – ha affermato il Prof. Riccardo Polosa Direttore del Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania>>.
<<LIAF Lega Italiana Antifumo è molto soddisfatta di aver collaborato ad una iniziativa così utile per la comunità – afferma il Dott. Sebastiano Antonio Pacino Presidente LIAF – ringrazio sentitamente il Calcio Catania per la loro disponibilità>>.
Precedente Antifumo: 500 le visite effettuate ad Expobimbo a mamme e papa
Prossimo Antifumo: campagna di sensibilizzazione per i bambini della Scuola Calcio Catania Presentati al Congresso SIMI di Roma i dati del progetto “Primi calci al fumo”

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 230 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Sigarette elettroniche: impatto rassicurante per la salute pubblica nel Regno Unito

E’ stato pubblicato pochi giorni fa un articolo, su una sezione della BBC dedicata alla salute, che fa ben sperare in merito al futuro delle sigarette elettroniche. Secondo i dati

News

La traversata dello Stretto di Messina a sostegno della Ricerca

La Traversata dello Stretto di Messina per simboleggiare concretamente il nuovo legame scientifico tra la Sicilia ed il resto del mondo.

Approfondimenti

Royal Society di Londra: l’annuncio della CDC potrebbe invertire la rotta negativa

le personalità riunite al “The E-cigarette Summit” alla Royal Society di Londra evidenziano come l’allarmismo generato negli USA avrà conseguenze negative sul mercato dell’elettronica in Europa