CEN a Catania: In Europa il mercato è sicuro

CEN a Catania: In Europa il mercato è sicuro

STANDARD DI QUALITA’ E SICUREZZA. Si è appena conclusa la riunione plenaria del CEN, il Comitato di Normazione Europea riunitosi per la prima volta a Catania.

Dal 2020, previste ulteriori iniziative per prevenire aggiunte incontrollate di nuovi ingredienti nei liquidi per sigarette elettroniche. Inoltre, controllo serrato sulla presenza di eventuali contaminanti”.  

A coordinare i lavori della tavola rotonda della Commissione Europea, il direttore del CoEHAR (Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università di Catania) e coordinatore del tavolo tecnico sulla standardizzazione di sigarette elettroniche e liquidi, il prof. Riccardo Polosa: “Stiamo lavorando alla verifica delle metodologie analitiche per la corretta valutazione dei contaminanti negli areosol e al monitoraggio dei sistemi di sicurezza per i bambini che possono accidentalmente entrare in contatto con questi prodotti” – ha spiegato lo scienziato catanese.  

Al centro del dibattito del CEN anche la questione americana: “In Europa, nonostante dieci anni di storia e milioni di svapatori, ad oggi non risulta alcun caso di malattie polmonari legate all’uso di sigarette elettroniche. In America, invece, molti dei casi di malattie respiratorie gravi purtroppo riguardano giovanissimi che avevano fatto uso di alcuni prodotti a base di cannabis contenenti addensanti risultati pericolosi” – cosi ha chiuso il docente etneo. 

CEN Comitato di Normazione Europea – Martedì 24 Settembre 2019
Una Hotel Palace Catania
Precedente Mark Slis, fumatore incallito salvato dallo svapo
Prossimo I tuoi vestiti puzzano di fumo?

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 226 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

In Inghilterra meno fumatori equivale a più svapatori

I recenti dati sul fumo diffusi in Inghilterra hanno dimostrato un aumento esponenziale della percentuale del numero di fumatori che sono riusciti a smettere di fumare. Dal 14% del 2011 si è infatti passati al 23% nel 2016. Un importante incremento del tasso di successo per i fumatori che hanno cercato di abbandonare le sigarette convenzionali che coinciderebbe con l’aumento del numero di svapatori inglesi.

In evidenza

Danni del fumo sulla pelle? Risponde la dermatologa delle vip

Al via la nuova rubrica “Stare bene senza fumo” che vi accompagnerà per cinque settimane con delle interviste speciali ad esperti di varie branche della medicina. Si parte con la dott.ssa Chantal Sciuto, la dermatologa delle vip che parla dei danni causati dal fumo sulla pelle.

News

Smettere di fumare: lo strano caso della citisina, è efficace, costa poco, ma nessuno ne parla

La “citisina” è un alcaloide naturale sperimentato con successo su migliaia di fumatori a partire dagli anni settanta nei paesi dell’est europeo per far smettere di fumare. Almeno una dozzina