Chi è Bernd Mayer?

Chi è Bernd Mayer?

Bernd Mayer was born in Graz (Austria) in 1959. Since 1999 he is Full Professor and Head of the Department of Pharmacology and Toxicology in Graz. In 2009 he received the Schrödinger Award and since 2010 he is a corresponding member of the Austrian Academy of Sciences. In February 2006, he was requested to write an expert opinion on an electronic nicotine delivery system, which was commercially available in China and imported to Austria. There were no scientific studies on e-cigs available at that time, but the severe, potentially deadly health risks of inhaling the smoke of burned tobacco were well known. Thus, he concluded that this novel vaporizer is much less harmful than tobacco cigarettes and strongly suggested smokers the switch to electronic cigarettes. This judgement, which was mainly based on common sense, has not been refuted by a single scientific study in the last 12 years. Not being involved as a professional in tobacco control, he did not expect the passionate resistance against electronic cigarettes of diverse health bodies, in particular the WHO and several medical societies. After having realized that their arguments were not science-based but grounded on either ideological bias or vested interests or both, he became increasingly publicly active as advocat of tobacco harm reduction. Among other activities, he served as expert witness at the German parliament in the course of implementation of the TPD2 and appeared as expert witness at the Austrian Constitutional Court.

Precedente Chi è Frank Baeyens?
Prossimo La possibilità che lo svapo provochi danni al DNA è nulla. Su PNAS la lettera di Polosa, Li Volti e Caruso

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 216 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Centro Antifumo di Catania e Università di New York insieme per un nuovo progetto

Partirà a breve, infatti, il nuovo progetto di ricerca che ha l’obiettivo di valutare l’efficacia nel tempo dell’utilizzo della sigaretta elettronica tra i pazienti fumatori affetti da schizofrenia. La possibilità di utilizzare uno strumento alternativo al fumo di sigaretta convenzionale, consentirebbe a questi soggetti di ridurre i danni nel tempo senza abbandonare drasticamente la gestualità tipica legata al fumo della bionda.

In evidenza

Nuovo studio italiano su e-cig ne conferma sicurezza e efficacia

Secondo un recente studio italiano pubblicato dalla rivista internazionale Plos One, le sigarette elettroniche sono sicure e aiutano a non ricadere nel vizio del fumo, anche se sembrerebbe non aiutino a smettere. Abbiamo chiesto al Presidente LIAF, Prof.ssa Lidia Proietti e al responsabile scientifico LIAF, Prof. Polosa un commento a caldo sulle conclusioni di questo studio condotto da autori di diverse università italiane, tra cui anche Walter Ricciardi, Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

In evidenza

In Nuova Zelanda addio alle Marlboro

Philp Morris annuncia che la Nuova Zelanda sarà la prima “Smoke-free country” ad abbandonare la vendita di sigarette convenzionali. Quello che sembrava una prospettiva ancora lontana, sta pian piano diventando reale.