Chi è Bernd Mayer?

Chi è Bernd Mayer?

Bernd Mayer was born in Graz (Austria) in 1959. Since 1999 he is Full Professor and Head of the Department of Pharmacology and Toxicology in Graz. In 2009 he received the Schrödinger Award and since 2010 he is a corresponding member of the Austrian Academy of Sciences. In February 2006, he was requested to write an expert opinion on an electronic nicotine delivery system, which was commercially available in China and imported to Austria. There were no scientific studies on e-cigs available at that time, but the severe, potentially deadly health risks of inhaling the smoke of burned tobacco were well known. Thus, he concluded that this novel vaporizer is much less harmful than tobacco cigarettes and strongly suggested smokers the switch to electronic cigarettes. This judgement, which was mainly based on common sense, has not been refuted by a single scientific study in the last 12 years. Not being involved as a professional in tobacco control, he did not expect the passionate resistance against electronic cigarettes of diverse health bodies, in particular the WHO and several medical societies. After having realized that their arguments were not science-based but grounded on either ideological bias or vested interests or both, he became increasingly publicly active as advocat of tobacco harm reduction. Among other activities, he served as expert witness at the German parliament in the course of implementation of the TPD2 and appeared as expert witness at the Austrian Constitutional Court.

Precedente Chi è Frank Baeyens?
Prossimo La possibilità che lo svapo provochi danni al DNA è nulla. Su PNAS la lettera di Polosa, Li Volti e Caruso

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 211 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

La sigaretta elettronica non fa venire il cancro

“Si muore per il catrame non per la nicotina ed è per questo che le sigarette elettroniche non fanno venire il cancro” – ha aperto cosi il suo intervento nell’Istituto Clinico Humanitas di Milano il prof. Riccardo Polosa.

Iniziative

Associazioni al Ministero della Salute: “Il prossimo governo dovrà trovare un percorso già tracciato”

“Valuteremo il report con le ultime evidenze scientifiche internazionali presentato dalla Lega Italiana Anti Fumo e già nelle prossime settimane ci impegneremo a condividere insieme a voi un nuovo percorso per una giusta regolamentazione delle sigarette elettroniche” – questo quanto affermato dai tecnici del Ministero della Salute nell’ambito dell’incontro che si è tenuto Martedì 10 Aprile nella sede romana di via Lungotevere alla presenza del Sottosegretario alla Salute,  On. Davide Faraone e del Dr. Ruggero Avellone.

In evidenza

Nuovo lavoro del team CoEHAR pubblicato su European Respiratory Journal (ERJ)

Nuovo lavoro del team CoEHAR pubblicato su Eurupean Respiratory Journal. Secondo gli esperti, lo studio di Miyashita e colleghi – dal titolo “Il vapore di sigarette elettroniche aumenta l’aderenza degli pneumococchi all’epitelio delle vie aeree in condizioni di esposizione “abnormale” – presentava delle incoerenze andavano dimostrate.