CoEHAR: Primo seminario di comunicazione sulle nuove strategie antifumo

CoEHAR: Primo seminario di comunicazione sulle nuove strategie antifumo

Si è tenuto Martedì 17 Luglio nell’aula 1 della Torre Biologica il primo seminario di comunicazione strategica antifumo rivolto agli addetti del settore operanti all’interno dell’ateneo e ai docenti del nuovo CoEHAR. Il Centro di Ricerca per la Riduzione del danno da fumo, afferente al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, è diretto dal prof. Riccardo Polosa e sarà, infatti, inaugurato a breve con l’obiettivo di studiare gli effetti e i danni prodotti sulla salute dal fumo di tabacco e promuovere le strategie più efficaci per smettere di fumare. L’attività di ricerca verrà realizzata con la collaborazione di studiosi provenienti da tutto il mondo. Il corso di comunicazione è stato tenuto dal prof. Luigi Norsa, docente della Libera Università IULM di Milano.

Precedente Massimiliano Allegri a Bruxelles per dire no al fumo
Prossimo "Springer" lancia una call for paper promossa da Polosa e Farsalinos

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 228 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

E-cig e asma: ecco le prime prove sulle migliorate condizioni respiratorie negli asmatici fumatori

L’asma è una delle principali cause di disabilità al mondo e la malattia cronica più comune nei bambini e giovani adulti, soprattutto a causa della sua insorgenza precoce. Si stima

News

Troppe parole e pochi risultati concreti: ecco le conclusioni del Convegno ISS a Roma

“Un convegno arrivato tardi, in un momento di estrema criticità per il comparto della sigaretta elettronica, e i cui obiettivi rischiano di non essere raggiunti se non si procede a

Curiosità

40% di fumatori in meno, in Islanda è successo

“In Islanda le politiche del governo pro-vaping hanno fatto diminuire il numero di fumatori”. Questo quanto leggiamo stamane in un articolo della rivista islandese “Grapevine”.