Il Comitato scientifico LIAF ricorda Umberto Veronesi

Il Comitato scientifico LIAF ricorda Umberto Veronesi

Ad un anno dalla scomparsa del prof. Umberto Veronesi, il Comitato scientifico internazionale per la ricerca applicata sulla sigaretta elettronica, di cui il professore è stato tra i primi membri, lo ricorda con ammirazione:

I suoi principi saranno sempre la nostra missione. Ci impegneremo costantemente per garantire che ogni giorno la ricerca faccia passi in avanti in questo campo. Distruggere il fumo è il nostro obiettivo. Continueremo a proporre soluzioni alternative per ridurre i danni e lavoreremo per trovare le cure più innovative alle malattie fumo correlate. Noi andiamo avanti con impegno e con la consapevolezza che il suo lavoro ed il suo esempio sono i più grandi doni che Veronesi che ci ha lasciato.

Comitato scientifico LIAF 

Coordinatore – Prof. Riccardo Polosa 

Previous Umberto Tirelli da Vespa per parlare di tumori e soluzioni per prevenirli
Next Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

About author

Potrebbe interessarti anche

Comunicati stampa 0 Comments

Antifumo: campagna di sensibilizzazione per i bambini della Scuola Calcio Catania Presentati al Congresso SIMI di Roma i dati del progetto “Primi calci al fumo”

LIAF-Onlus Lega Italiana Antifumo, in collaborazione con il Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania, ha recentemente presentato a Roma al Congresso Nazionale della Società di Medicina Interna,

Nuovo studio e-cig: per il futuro, 21% di morti in meno

Secondo uno studio pubblicato sulla nota rivista scientifica Nicotine & Tobacco Research le elettroniche potrebbero portare ad un calo del 21% delle morti per malattie fumo correlate in tutti i giovani che sono nati dopo il 1997.

Comunicati stampa 2 Comments

FORMALDEIDE NELLE SIGARETTE ELETTRONICHE E RISCHIO CANCRO. PROF. POLOSA (LIAF): “SI TRATTA DI VALUTAZIONI NON REALISTICHE”

In merito alle notizie diffuse dalla stampa internazionale sullo studio pubblicato dal New England Journal of Medicine secondo il quale gli “svapatori” rischiano il cancro 15 volte in più rispetto