Il Comitato scientifico LIAF ricorda Umberto Veronesi

Il Comitato scientifico LIAF ricorda Umberto Veronesi

Ad un anno dalla scomparsa del prof. Umberto Veronesi, il Comitato scientifico internazionale per la ricerca applicata sulla sigaretta elettronica, di cui il professore è stato tra i primi membri, lo ricorda con ammirazione:

I suoi principi saranno sempre la nostra missione. Ci impegneremo costantemente per garantire che ogni giorno la ricerca faccia passi in avanti in questo campo. Distruggere il fumo è il nostro obiettivo. Continueremo a proporre soluzioni alternative per ridurre i danni e lavoreremo per trovare le cure più innovative alle malattie fumo correlate. Noi andiamo avanti con impegno e con la consapevolezza che il suo lavoro ed il suo esempio sono i più grandi doni che Veronesi che ci ha lasciato.

Comitato scientifico LIAF 

Coordinatore – Prof. Riccardo Polosa 

Precedente Umberto Tirelli da Vespa per parlare di tumori e soluzioni per prevenirli
Prossimo Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

India: Riccardo Polosa sollecita il governo a riconsiderare il divieto sulle elettroniche

Intervistato anche dalla televisione nazionale indiana, lo scienziato catanese sta sollecitando il governo a riconsiderare la raccomandazione del divieto assoluto dei dispositivi a rischio ridotto proprio per il bene della salute pubblica nazionale.

Approfondimenti

COP8 a Ginevra: un nuovo report di politica internazionale critica l’operato dell’OMS

Inizia oggi a Ginevra il COP8, l’ottava sessione della Conferenza delle Parti alla Convenzione quadro dell’OMS per il controllo del tabacco. E mentre i delegati si riuniscono, un gruppo di

News

La doppia faccia del nuovo Decreto tabacchi: temuta escalation di prezzi per il fumo elettronico

Il nuovo decreto tabacchi sembra foriero di buone notizie, ma in realtà nasconde, e in maniera subdola, l’ennesima pugnalata al settore delle sigarette elettroniche facendo solo gli interessi delle multinazionali