Comunicato del Presidente LIAF sulla regolamentazione della sigaretta elettronica in Italia

Comunicato del Presidente LIAF sulla regolamentazione della sigaretta elettronica in Italia

In questi giorni è in discussione al Senato il Disegno di Legge 3534, atto a promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute. L’emendamento 7.1. che proponeva di sottoporre “qualsiasi prodotto o dispositivo meccanico od elettronico che abbia la funzione di succedaneo dei prodotti del tabacco” (i.e. e-cig) alle leggi esistenti sulle sigarette tradizionali, è stato rigettato al momento. Questo non significa che il rischio paventato negli ultimi giorni da commercianti, imprenditori e utenti del settore e-cig, non possa ripresentarsi, anche in tempi molto brevi.

È per questo che ritengo necessario, in qualità di presidente della LIAF, Lega Italiana Anti Fumo, entrare nel dibattito apportando notizie certe e imparziali, quali quelle risultanti dal primo studio scientifico effettuato sulle sigarette elettroniche, realizzato dal prof. Riccardo Polosa dell’Università di Catania, in collaborazione con LIAF e il Centro di Prevenzione e Cura del Tabagismo della stessa città.
Lo studio, pubblicato nel 2011, era volto a indagare la sicurezza e la qualità delle sigarette elettroniche CATEGORIA, nonché a verificare eventuali eventi avversi negli svapatori arruolati.
Non contenendo sostanze chimiche né producendo combustione ma solo vapore acqueo, eventualmente miscelato a nicotina liquida, la sigaretta elettronica è risultata sicura sia per chi ne fa uso sia in termini di fumo passivo.
I risultati positivi hanno inoltre evidenziato che l’uso della sigaretta elettronica è un ottimo dispositivo antitabagico, poiché permette non solo di ridurre drasticamente il numero di sigarette tradizionali fumate, ma in molti casi addirittura di smettere di fumare, aiutando anche a controllarne meglio le ricadute, per via sia della nicotina presente in alcune e-cig, sia della gestualità mantenuta. Inoltre, non sono stati riscontrati eventi collaterali gravi, né per lo svapatore né per chi vi sta attorno.
Da queste poche righe, risulta chiaro che la sigaretta elettronica è un’utile opportunità di avanzamento per la salute pubblica, quindi è ragionevole e auspicabile una sua regolamentazione in termini di garanzia di qualità e sicurezza a tutela del cittadino. Non lo è affatto, invece, una sua equiparazione a strumento “succedaneo dei prodotti del tabacco”, da sottoporre a tassazioni, monopoli e divieti pubblicitari o di utilizzo in luoghi pubblici, come la legge richiede per un prodotto dannoso per la salute quale è la sigaretta tradizionale a base di tabacco.
Significherebbe annullare la potenzialità di un innovativo strumento per la lotta al tabagismo e di grande utilità in termini di salute pubblica, stravolgendone significato e scopo.
LIAF rimane dunque a disposizione delle autorità competenti per fornire tutte le conoscenze raggiunte nel settore delle sigarette elettroniche, e propone una collaborazione attiva tra tutti i soggetti coinvolti al fine di sostenere un riconoscimento di sicurezza, standard minimi di qualità, libero commercio e libero utilizzo in luoghi pubblici, in visione di una cultura antifumo e di tutela della salute pubblica che è il principale obiettivo di LIAF.
Il Presidente LIAF
Dott. Sebastiano Antonio Pacino

Precedente Disturbi cardio-respiratori e cerebrovascolari: le leggi antifumo aiutano a ridurli
Prossimo E-cig: Radio24 intervista il prof. Riccardo Polosa

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 231 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

L’eurodeputato La Via invita i più grandi scienziati al mondo per parlare di e-cig a Bruxelles

“Sigarette elettroniche: un forte passo avanti per la salute pubblica europea” è questo il titolo del meeting che si terrà Martedì 20 Marzo alle ore 12 nella sede del Parlamento Europeo a Bruxelles. Un evento che, per la prima volta nella città belga, metterà al centro del dibattito internazionale tutte le evidenze scientifiche sullo svapo come alternativa valida e sicura al fumo di sigaretta convenzionale.

Senza categoria

Gran Bretagna: adesso i Centri Antifumo possono far smettere di fumare con le e-cig

L’Autorità Sanitaria Nazionale inglese che regola e norma le attività dei servizi britannici di smoking cessation (NCSCT – UK National Centre for Smoking Cessation and Training) ha da pochi giorni autorizzato e incentivato tutti i Centri Antifumo del territorio nazionale a prevedere nei propri percorsi di disassuefazione dal tabagismo anche l’utilizzo delle sigarette elettroniche.

Senza categoria

Fai anche tu la tua domanda al prof: ADESSO PUOI!

Da oggi ricevere risposte ai vostri dubbi su come smettere di fumare è davvero semplice Con la nuova sezione L’ESPERTO RISPONDE, il team del prof. Riccardo Polosa è a vostra