Davide Campagna

Davide Campagna

Davide Campagna, laureato in Medicina e Chirurgia nel 2009, ha vinto nell’ottobre 2010 una borsa di studio per la realizzazione del primo studio di popolazione al mondo (ECLAT) sulla sigaretta elettronica sotto la supervisione del prof. Riccardo Polosa.
Da giugno 2011 è specializzando in Medicina Interna presso l’Università di Catania. Nello stesso anno ha vinto il premio Uliveto nell’ambito del congresso Nazionale SIMI con il progetto “Primi calci al fumo”. Dal 2012 è co-conductor del progetto europeo multicentrico UBIOPRED per lo studio dell’asma grave. Ha partecipato a numerosi congressi in qualità di relatore su problematiche legate al fumo e all’asma. E’ autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche indicizzate su Pubmed.
Ha conseguito il diploma nazionale in Ecografia SIUMB nel luglio 2013. La sua attività clinica e di ricerca è legata, oltre all’asma e alla smoking cessation, anche al diabete e alle patologie tiroidee. Al momento sta seguendo uno stage di formazione presso la Medicina d’Urgenza di Latisana (UD) diretta dal Dott. Roberto Copetti, tra i massimi esperti al mondo di ecografia toracica.
Da anni collabora con la Lega Italiana Antifumo accompagnando con passione e devozione i pazienti fumatori nel loro percorso per smettere di fumare.

Precedente Christopher Russell
Prossimo Massimo Caruso

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

I nostri ricercatori

Sally Satel

Sally Satel membro del Comitato Scientifico in sostegno delle sigarette elettroniche della LIAF

Massimo Caruso

Massimo Caruso ha conseguito la laurea in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Catania, e successivamente un Dottorato di Ricerca in Malattie Respiratorie nello stesso ateneo.

I nostri ricercatori

Centro Antifumo di Catania e Università di New York insieme per un nuovo progetto

Partirà a breve, infatti, il nuovo progetto di ricerca che ha l’obiettivo di valutare l’efficacia nel tempo dell’utilizzo della sigaretta elettronica tra i pazienti fumatori affetti da schizofrenia. La possibilità di utilizzare uno strumento alternativo al fumo di sigaretta convenzionale, consentirebbe a questi soggetti di ridurre i danni nel tempo senza abbandonare drasticamente la gestualità tipica legata al fumo della bionda.