Disturbi cardio-respiratori e cerebrovascolari: le leggi antifumo aiutano a ridurli

Disturbi cardio-respiratori e cerebrovascolari: le leggi antifumo aiutano a ridurli

Le norme che vietano l’utilizzo di sigarette in luoghi pubblici sono state introdotte in diversi paesi non solo per contrastare l’uso di tabacco, ma soprattutto per limitare i danni correlati al fumo passivo. In seguito all’entrata in vigore di queste norme si è registrata una sensibile diminuzione degli accessi ospedalieri per problemi cardio-respiratori e cerebrovascolari.
È quanto afferma una ricerca condotta dai ricercatori del “Center for Tobacco Control Research and Education” dell’University of California, San Francisco e pubblicata di recente sulla rivista scientifica “Epidemiology and Prevention”.
Lo studio consisteva in una meta-analisi di 45 sperimentazioni scientifiche relative agli effetti dell’introduzione di norme che vietano di fumare nei luoghi di lavoro e nei locali pubblici. I ricercatori Californiani hanno sviluppato confronti statistici tra le percentuali di accessi ospedalieri e/o decessi per disturbi cardiaci, respiratori e cerebro-vascolari prima e dopo l’entrata in vigore della legge antifumo in un arco temporale medio di 24 mesi.
I risultati dimostrano come l’applicazione di leggi antifumo sia in grado di ridurre i ricoveri (o i decessi) per angina e infarto del 40%, per broncopatia cronica ostruttiva (BPCO), asma, e infezioni bronco-polmonari del 25%, e per ictus del 15% con sostanziale risparmio in termini di spesa sanitaria. Inoltre, più le norme antifumo sono severe, maggiore è la riduzione del rischio di patologia fumo-correlata.
A buon merito delle istituzioni che hanno avviato una legislazione smoke-free con effetti positivi oltre che per i fumatori anche per chi subisce il fumo passivo.
Precedente Antifumo: campagna di sensibilizzazione per i bambini della Scuola Calcio Catania Presentati al Congresso SIMI di Roma i dati del progetto “Primi calci al fumo”
Prossimo Comunicato del Presidente LIAF sulla regolamentazione della sigaretta elettronica in Italia

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 228 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Consultazione Commissione Europea su tassazione e-cig: Facciamo sentire la nostra voce!

L’invito che anche il Comitato vuole rivolgere ai suoi sostenitori e ai consumatori di e-cig è di condividere e partecipare alla Consultazione rispondendo alle domande poste dalla Commissione Europea sui liquidi da inalazione per sigarette elettroniche.

Curiosità

Identità sociale e bisogno di se stessi? La psico-sociochimica che ti riporta dalla bionda

Secondo uno studio condotto nell’Università dell’East Anglia, nel Regno Unito, e pubblicato sul Journal of Substance Use, si torna a fumare per recuperare l’identità sociale persa e si cerca il

News

E-CIGS: IL PARLAMENTO EUROPEO PROPONE DI REGOLAMENTARLE COME PRODOTTI FARMACEUTICI

La Commissione per l’Ambiente, la Sanità Pubblica e la Sicurezza Alimentare del Parlamento Europeo (ENVI) non metterà al bando le sigarette elettroniche, ma sta accelerando il passo verso una regolamentazione