E-cig – danni al cavo orale? F. Beatrice: “Non brucia ma vaporizza quindi è priva di combustione”

E-cig – danni al cavo orale? F. Beatrice: “Non brucia ma vaporizza quindi è priva di combustione”

Le sigarette elettroniche danneggiano la bocca come il tabacco“- è questo il titolo di un recente articolo pubblicato sulla rivista italiana “Ok Salute e Benessere” con il quale si commenta un nuovo studio della University of Rochester School of Medicine and Dentistry di New York che dimostrerebbe come i vapori rilasciati dai liquidi usati nelle sigarette elettroniche potrebbero infiammare i tessuti del cavo orale, anche senza nicotina esattamente come le sigarette tradizionali.

Un allarme infondato lanciato dallo studio e durato giusto poche ore al quale è presto seguita la risposta di uno dei più importanti esperti in materia, il dott. Fabio Beatrice della Società Italiana di Tabaccologia, autore di numerosi testi sulla ricerca applicata alla sigaretta e membro del Comitato Scientifico di LIAF.

Di seguito, il commento dello scienziato:

beatrice

Fabio Beatrice

“Dire che la sigaretta elettronica infiamma i tessuti orali ed il paradonto e le gengive come la normale sigaretta non non è credibile sulla base delle attuali conoscenze scientifiche. In primo luogo la e-cig non brucia ma vaporizza a circa 100 gradi e questo significa che è priva di combustione. Di conseguenza è palesemente errato proporre, come apparentemente viene fatto nell’articolo in questione, una sigaretta elettronica che brucia vapore. Si tratta di elementari nozioni di fisica.

Inoltre è dimostrato da IARC (International Agency for Research on Cancer) che la sigaretta, nella sua combustione compresa tra 400 e 1000 gradi, produce oltre 80 sostanze  cancerogene di classe A, cioè è cosa certa. La stessa sigaretta in quanto tale è di fatto un potente e certo cancerogeno.

Per quanto attiene alla nicotina, è la stessa rilasciata dalle sigarette. Il mentolo non appare neanche lontanamente paragonabile all’azione degli oltre 80 cancerogeni certi della normale sigaretta. Resta pertanto certa l’evidenza di una tossicità nettamente inferiore della e-cig  rispetto alla sigaretta.

La stima del Ministero della Salute della Gran Bretagna è per la e-cig di una tossicità inferiore nella misura del 95% rispetto alle sigarette. Tutti oramai concordano nel considerare l’elettronica quale potente strumento di riduzione del rischio nei fumatori resistenti alla cessazione“.

Precedente Pressione sanguigna: con l'ecig miglioramenti a lungo termine
Prossimo E-cig e bronchite negli adolescenti. R. Polosa: "Niente dimostra che sintomi riflessi portano a patologie respiratorie"

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 220 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Chi svapa mette su solo 1/3 del peso di chi smette senza e-cig

La ricerca – pubblicata sulla rivista scientifica Int J Environ Res Public Health – spiega che chi svapa non ingrassa come chi smette di fumare. Cambiamenti nel peso corporeo di chi sospende o riduce sostanzialmente il consumo di sigarette convenzionali sono stati estratti dalle cartelle cliniche di fumatori ed ex fumatori.

Comunicati stampa

Riccardo Polosa partecipa all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Riccardo Polosa domani a New York parteciperà alla Terza Assemblea Generale delle Nazione Unite sulle malattie non trasmissibili istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Un’occasione unica per il docente dell’Università di Catania che interverrà come autorevole membro della comunità scientifica internazionale per parlare di politiche di salute pubblica e di interventi necessari a ridurre l’impatto del fumo nel mondo.

News

E-cig: nel futuro potrebbe essere usata come strumento per somministrare farmaci

Secondo il prof. Polosa – invitato dalla Glaxo Smith Kline (GSK) nell’ambito del loro 21esimo Forum Scientifico sulla Medicina Respiratoria, nei pressi di Copenaghen – le sigarette elettroniche potranno essere impiegate anche per la somministrazione di farmaci, assicurando una migliore efficacia e una maggiore aderenza per i pazienti.