E’ ufficiale: le sigarette elettroniche hanno ridotto le vendite di sigarette tradizionali negli USA

E’ ufficiale: le sigarette elettroniche hanno ridotto le vendite di sigarette tradizionali negli USA

Un successo per i medici e ricercatori che da anni si battono in favore delle ecig sostenendone la loro efficacia in termini di riduzione di rischio espositivo e il loro ruolo delle quale strumento di salute pubblica.
Tuttavia, così come commenta il Prof. Michael Siegel della Boston University sul suo blog, l’FDA sembra voler ancora ignorare la rilevanza di questi dati. O ancora peggio l’FDA è consapevole di questa rilevanza, ma si batte per portare a casa un risultato vantaggioso per le sue casse. Per questo insiste sulla regolamentazione di questi prodotti in senso farmaceutico.
Ancora più irresponsabile l’atteggiamento assunto da diversi governi in tutto il mondo di bandire le ecig perché ritenute pericolose. Certamente sono un pericolo per gli erari che si arricchiscono delle accise sulle sigarette. Il rendere fuorilegge le ecig in alcuni paesi non ha prodotto alcun risultato positivo in termini di salute pubblica. Anzi. Spesso ha prodotto l’effetto contrario dato che lo “svapatore” che non viene messo in condizione di approvvigionarsi legalmente di questo prodotto ritorna a fumare le sigarette tradizionali. Inoltre, è reale il rischio che una situazione di questo genere creerebbe le condizioni per la proliferazione di un mercato illegale delle ecig.
Che una regolamentazione sia necessaria, questo è innegabile. Quello che si vuole contestare è che non necessariamente questa regolamentazione debba essere squisitamente di tipo farmaceutico. Ne tantomeno si può immaginare di regolamentare le ecig come prodotti da tabacco, dato che non ne contengono. Una regolamentazione ad hoc nell’ambito dei prodotti da consumo è quello che bisogna fare per garantirne elevati standard qualitativi di produzione e commercializzazione, a tutela degli utilizzatori.
(Fonte: Adelman DJ, Grainger M, Ayala V, Paxton K. Tobacco: New Years’ Resolutions + E-Cigs = Weaker Volumes? New York: Morgan Stanley Research North America, March 7, 2013)
Precedente Tavolo tecnico del Ministero della Salute per le sigarette elettroniche: insufficiente il confronto scientifico
Prossimo Mondiali di Calcio: sarà vietato fumare negli stadi

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

ll prof. Riccardo Polosa risponde. Sigaretta elettronica, sicurezza e salute.

A nome di tutti gli svapatori e di quei fumatori ancora indecisi se passare alla e-cig, LIAF da la parola al prof. Riccardo Polosa, esperto internazionale di tabagismo e malattie fumo-correlate,

News

La doppia faccia del nuovo Decreto tabacchi: temuta escalation di prezzi per il fumo elettronico

Il nuovo decreto tabacchi sembra foriero di buone notizie, ma in realtà nasconde, e in maniera subdola, l’ennesima pugnalata al settore delle sigarette elettroniche facendo solo gli interessi delle multinazionali

News

Smettere di fumare: lo strano caso della citisina, è efficace, costa poco, ma nessuno ne parla

La “citisina” è un alcaloide naturale sperimentato con successo su migliaia di fumatori a partire dagli anni settanta nei paesi dell’est europeo per far smettere di fumare. Almeno una dozzina