Eurospin e LIAF fanno smettere di fumare

Eurospin e LIAF fanno smettere di fumare

In occasione della giornata mondiale antifumo 2017, l’azienda Eurospin ha deciso di avviare un progetto di sensibilizzazione per i suoi dipendenti fumatori. Grazie alla collaborazione con LIAF e Università di Catania (Centro Prevenzione e Cura Tabagismo) sarà possibile avviare una serie percorsi che mirano a far smettere di fumare i dipendenti dell’azienda e la rete di persone più vicina a loro.

Il gruppo di lavoro di LIAF farà comprendere ai fumatori i pericolosi rischi legati al fumo, con particolare riferimento alle problematiche correlate ai dipendenti che vivono in un ambiente dove l’atto di fumare incide negativamente sull’andamento del proprio lavoro e su quello dell’azienda. In generale, infatti, come specificato più volte, il tempo per la sigaretta è solitamente considerato il tempo per una pausa da lavoro. Ma se queste pause diventano più numerose del dovuto è semplice capire come il fumo possa togliere tempo prezioso e produttività all’azienda. 

Il percorso di Eurospin, il primo di questo tipo in Italia, si articola in tre incontri di tre ore ciascuno, per ogni singolo gruppo coinvolto. A condurre il percorso formativo sarà il prof. Pasquale Caponnetto insieme ad alcuni dei ricercatori LIAF.

Durante gli incontri i partecipanti saranno sensibilizzati ed informati tecnicamente sui rischi fumo-correlati e sulle possibile conseguente. “Motiveremo i fumatori a comportamenti pro-salute attraverso l’utilizzo di tecniche specialistiche di motivational interviewing. L’obbiettivo finale – ha spiegato Caponnetto – è quello di ridurre il numero di fumatori all’interno dell’azienda e di fornire un modello di lavoro intelligente dove i partecipanti ai percorsi saranno sensibilizzati a promuovere una società libera dal fumo attraverso la diffusione di messaggi antifumo con se stessi, coi i propri cari e con i propri clienti” 

Previous E-cig, danni al DNA. U. Tirelli: "Adesso serve un gruppo di controllo"
Next Madrid. Polosa invitato al Congresso nazionale SEPAR per illustrare gli effetti positivi delle e-cig sul sistema respiratorio dei fumatori

About author

Potrebbe interessarti anche

Iniziative 0 Comments

Esperti a Oms: “Non si prendano posizioni su rischi non documentati”

Quattro esperti internazionali di patologie fumo correlate rispondono all’allarme lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità circa i rischi delle sigarette elettroniche e la loro efficacia. www.repubblica.it/salute/2014/08/30/news/veronesi_difende_sigaretta_elettronica-94687060/ In un lettera – firmata

In evidenza 1Comments

In Inghilterra meno fumatori equivale a più svapatori

I recenti dati sul fumo diffusi in Inghilterra hanno dimostrato un aumento esponenziale della percentuale del numero di fumatori che sono riusciti a smettere di fumare. Dal 14% del 2011 si è infatti passati al 23% nel 2016. Un importante incremento del tasso di successo per i fumatori che hanno cercato di abbandonare le sigarette convenzionali che coinciderebbe con l’aumento del numero di svapatori inglesi.

Iniziative 1Comments

Catania senza fumo

La Lega Italiana AntiFu­mo (LIAF – Onlus), in collaborazione con la GlaxoSmithKline Consumer Healthcare, ha organizzato presso l’Auditorium del Monastero dei Benedettini di Catania il primo incontro del ciclo di