Eurospin e LIAF: le video testimonianze di chi ha smesso di fumare

Eurospin e LIAF: le video testimonianze di chi ha smesso di fumare

Continua il progetto di collaborazione fra LIAF e l’azienda Eurospin Sicilia. Obiettivo principale: promuovere salute e benessere

Il più grande discount italiano, con oltre 1100 punti vendita in Italia, in questi ultimi due anni ha deciso di avviare un percorso di sensibilizzazione sul fumo di sigaretta convenzionale avvalendosi di professionisti del counselling antifumo specializzati LIAF.

Grazie alla collaborazione con il Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania coordinato dal prof. Pasquale Caponnetto, è stato finora possibile avviare una serie di percorsi che hanno coinvolto circa 363 partecipanti, di cui circa 328 fumatori.

Il percorso si pone come obiettivo far smettere o ridurre di fumare i dipendenti dell’azienda e la rete di persone a loro più vicina.

Il gruppo di lavoro di LIAF ha fatto finora comprendere ai fumatori e non i rischi fumo-correlati, con particolare riferimento alle problematiche di salute che possono coinvolgere anche i familiari più stretti e incidere negativamente sulla loro capacità lavorativa e sulla qualità di vita.

Il percorso antifumo di Eurospin-LIAF, voluto dal Presidente Dott. Mion Matteo, è il primo di questo tipo in Italia; articolato in quattro incontri di quattro ore ciascuno, per ogni singolo gruppo coinvolto.

L’intervento integrato, sapientemente coordinato da Daniele Floresta, Responsabile Salute e Sicurezza di Eurospin Sicilia e Calabria, ha una componente medica supervisionata dal Prof. Venerando Rapisarda ed una componente psicologica supervisionata dal Prof. Pasquale Caponnetto.

“Stiamo motivando i fumatori e i non fumatori a volersi bene ed ad investire in maniera intelligente su se stessi, attraverso un cambiamento importante, smettere/ridurre di fumare” – ha affermato il Prof. Caponnetto.

“Organizzare gli incontri direttamente sul posto di lavoro, ci permette di coinvolgere anche fumatori che probabilmente non si sarebbero mai rivolti ad un Centro Antifumo. Inoltre, intervenendo anche su fumatori sani e giovani, miglioriamo l’efficacia della prevenzione, con ricadute positive anche in termini economici e sociali – ha affermato il Prof. Rapisarda”.

Di seguito una serie di video testimonianze di chi ha smesso di fumare grazie al progetto Eurospin e LIAF.

 

Precedente Influenti dello svapo - VIDEO INTERVISTA
Prossimo Stop al fumo quando si guida

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 215 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

Conferenza stampa: LIAF lancia un appello al Ministro Lorenzin

LIAF convoca la stampa per presentare i risultati della petizione popolare in difesa della sigaretta elettronica. Mercoledì 23 Aprile alle ore 10.30 nei locali del Rettorato dell’Università di Catania, al

Comunicati stampa

EXPERTS AT THE EUROPEAN PARLAMENT – E-CIGARETTES ARE A POTENTIAL GAME CHANGER FOR EUROPEAN HEALTH

Brussels, 20 March 2018 – The Italian Anti-Smoking League (Lega Italiana Anti Fumare – LIAF) welcomed the conclusion of an expert panel hosted by MEP Giovanni La Via at the European Parliament. The event, “E-cigarettes: a potential step forward for European health” brought together top scientists and researchers in tobacco-related issues to present and discuss new and important scientific findings from across Europe.

Curiosità

Vende bionde ai minori e becca una multa di 3 mila euro

A Macerata una tabaccheria è stata multata con una sanzione di 3 mila euro e la sospensione della licenza per 15 giorni per aver venduto sigarette a ragazzini di 13 anni.