Fumo e impotenza

Fumo e impotenza

Il fumo di sigaretta non solo e’ un noto fattore di rischio per lo sviluppo di tumori, ma sembra anche essere causa di impotenza. Due recenti studi scientifici rivelano che gli uomini che preferiscono le ‘bionde’ rischiano una piu’ elevata incidenza di problemi di erezione rispetto ai non fumatori. Nel primo studio condotto negli Stati Uniti su 1329 uomini di eta’ compresa tra i 40 ed i 79 anni, si è riscontrato che il fumo di sigaretta amplifica notevolmente il rischio di impotenza con una incidenza del 10-15%. Veniva fatto notare che nei soggetti gia’ in trattamento per patologie cardiovascolari la probabilità di una impotenza completa risultava pari al 56% tra i fumatori e al 21% tra i non fumatori. Inoltre, nel sottogruppo di soggetti sottoposti a terapia medica antiipertensiva, quelli che fumavano avevano una incidenza di impotenza completa del 20%, mentre i non-fumatori avevano un rischio di impotenza dell’8%, comparabile con quello della popolazione generale (9%).

La seconda indagine e’ stata effettuata in Australia su oltre 8000 uomini di eta’ compresa tra i 16 ed i 59 anni. Anche in questo caso, risulta che i fumatori riferiscono problemi di erezione piu’ frequentemente rispetto ai non fumatori. E questi problemi risultano essere tanto più frequenti quanto maggiore è il numero di sigarette fumate al giorno. Gli esperti hanno stimato che gli uomini che fumano fino a 20 sigarette al giorno hanno il 24% di probabilità in più rispetto ai non fumatori di incontrare difficoltà a mantenere un’erezione. Coloro che invece fumano oltre un pacchetto di sigarette nelle 24 ore hanno un rischio di impotenza del 39% più elevato rispetto ai non fumatori.

Questi studi, segnalano una forte associazione tra fumo e impotenza, associazione che diventa più forte al crescere del numero di sigarette fumate. Tuttavia non sono in grado di spiegarne il nesso causale. Probabilmente il fumo di sigaretta esercita un effetto dannoso a livello vascolare nell’organo di riproduzione maschile riducendone il flusso sanguigno. E’stato dimostrato che smettere di fumare migliora la perfusione di diversi organi e tessuti. Inoltre, il fumo di tabacco sembra avere anche effetti dannosi diretti nei confronti del tessuto erettile del pene. L’elasticità del tessuto erettile e quindi la sua capacità di dilatarsi sembra diminuire sensibilmente nei forti fumatori, che spesso hanno una erezione molto meno duratura.

Pertanto, per tutti i fumatori con disfunzione erettile, smettere di fumare rappresenta la prima forma di terapia. La prospettiva di migliorare le proprie prestazioni sessuali costituisce una fortissima motivazione a smettere e va illustrata sistematicamente a tutti i fumatori uomini.

Precedente Fumo di sigaretta: note statistiche aggiornate
Prossimo 31 maggio 2006: giornata mondiale senza tabacco

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

Polosa analizza 3 punti del report Eurispes

All’indomani della pubblicazione del report di Eurispes, anche il prof. Riccardo Polosa commenta tre punti salienti del documento citando alcune delle attività già avviate all’interno del CoEHAR – il Centro

News

Secondo giorno al COP 7. Gli scienziati: “La nostra missione è la riduzione del danno”

Al via da oggi il COP 7 – la Settima Conferenza delle Parti organizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che si sta svolgendo proprio in queste ore in India, a Nuova Delhi. L’incontro, al quale partecipano esperti del settore e rappresentanti istituzionali di tutto il mondo, si concluderà sabato 12 novembre e affronterà le tematiche relative alle politiche di controllo del tabacco che cambieranno l’assetto politico sanitario di molti dei Paesi coinvolti.

Approfondimenti

Fabio Beatrice al Fuori Tg di Rai 3

Al Fuori Tg di Rai 3 – condotto dalla giornalista Maria Rosaria De Medici – questa mattina è andata in onda una puntata speciale dedicata alle tasse sullo svapo. In studio a dibattere sul tema il direttore di SigMagazine, Stefano Caliciuri, il direttore de Il Salvagente, Riccardo Quintili e uno dei membri del Comitato Scientifico della Lega Italiana Anti Fumo, il prof. Fabio Beatrice.