Fumo e tecnologia: due nuove frontiere

Fumo e tecnologia: due nuove frontiere

La più grande dipendenza che affrontiamo oggi è quella legata alla tecnologia. Abbiamo paura di diventare “Addict” di quasi tutti gli strumenti tecnologici che utilizziamo. Siamo a rischio dipendenza.

Ma se riuscissimo a trasformare la paura in un vantaggio?

Se usassimo la tecnologia per combattere le dipendenze come il fumo?

Ci sono in commercio diversi strumenti tecnologici in grado di aiutarci in questo e prendendo spunto da un articolo appena diffuso dalla lontana America, vi elenchiamo quali potrebbero essere.

Un orologio per monitorare quanto fumi

La motivazione principale per non fumare si ottiene osservando la cronologia del successo. Calcolare la vittoria, il tempo che si è vissuto senza fumo e capire quante sigarette abbiamo risparmiato è un dato importante per trovare una buona spinta per smettere. Se hai un orologio legato al polso che ti dice da quanto tempo non fumi, non rovinerai mai il tuo record e ogni volta che la tua mano si allungherà per una sigaretta, il tuo orologio ti fermerà.

Il sistema di monitoraggio tra cellulare e orologio

Alcune aziende internazionali stanno lavorando a sistemi di monitoraggio frutto della combinazione tra scienza medica e wearable technology. 

Tramite l’uso di dispositivi indossabili e costantemente sincronizzati con il proprio smartphone, si è in grado di tenere sotto controllo tantissimi aspetti della nostra vita quotidiana e, in alcuni casi, monitorare anche lo stato di salute.

Grazie a all’uso combinato di smartwatch e smartphone, il sistema permette all’utente di monitorare le proprie abitudini sul fumo e il numero di sigarette fumate durante il giorno.



Precedente Benvenuto 2019 e STOP fumo!
Prossimo Polosa su morte Ferdinando Aiuti: "I peggiori malati di AIDS erano spesso forti fumatori"

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 216 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Recensione dell'editore

Summary

La più grande dipendenza che affrontiamo oggi è quella legata alla tecnologia. Abbiamo paura di diventare "Addict" di quasi tutti gli strumenti tecnologici che utilizziamo. Siamo a rischio dipendenza. Ma se riuscissimo a trasformare la paura in un vantaggio?

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Curiosità

Fabio Beatrice al Fuori Tg di Rai 3

Al Fuori Tg di Rai 3 – condotto dalla giornalista Maria Rosaria De Medici – questa mattina è andata in onda una puntata speciale dedicata alle tasse sullo svapo. In studio a dibattere sul tema il direttore di SigMagazine, Stefano Caliciuri, il direttore de Il Salvagente, Riccardo Quintili e uno dei membri del Comitato Scientifico della Lega Italiana Anti Fumo, il prof. Fabio Beatrice.

Curiosità

Pubblicato l’elenco dei Centri Antifumo 2015. A Catania, un polo dedicato alla Ricerca

Pubblicato sul sito del Ministero della Salute, ISS – Osservatorio Fumo, Alcol e Droga, il nuovo elenco dei Centri Antifumo italiani, aggiornato al 2015. A Catania, l’unico un polo dedicato alla Ricerca è quello guidato dal prof. Riccardo Polosa

News

Basta fisco: dal 2019 ci si concentri solo sulla riduzione del danno

“Anche in Italia, siamo pronti per spostare l’attenzione sul tema centrale della questione vaping: la riduzione del danno da fumo!” – è questo il commento che ieri il prof. Riccardo Polosa ha fatto leggendo le notizie della nuova e positiva situazione fiscale italiana.