GFN 2016: E-cig riducono la prevalenza di malattie cardiovascolari

phoca_thumb_l_42-IMG_2487“Passare alla sigaretta elettronica è sicuramente il modo migliore per ridurre il danno legato alle malattie fumo correlate. Anche se ci vorrà ancora qualche anno per avere risultati precisi in termini di minori malattie i risultati ci sono già. Guardiamo la Svezia ad esempio, li da 50 anni si mastica lo snus (il tabacco masticabile) e la prevalenza di malattie cardiovascolari è tra le più basse d’Europa”.  Sono le parole del prof. Riccardo Polosa che il 17 e 18 Giugno è intervenuto a Varsavia come uno dei relatori più importanti del Forum Globale sulla Nicotina.

Come ogni anno, ormai, numerosi esponenti del panorama scientifico ed anche politico internazionale si riuniscono in questa occasione per parlare di lotta al fumo e dei possibili risvolti per il futuro della nicotina a livello mondiale. 350 i partecipanti per l’edizione 2016. Nuova Zelanda, Australia, Canada, Stati Uniti, Russia, Kazakhstan, Tunisia, Libano, India e Corea Sud sono solo alcuni dei 55 Paesi coinvolti. È evidente che le posizioni sono ancora diverse e centralizzate sugli effetti negativi ma il tentativo riuscito del GFN 2016 è stato proprio quello di presentare ed affrontare, con un approccio trasparente e diretto, tutte le prove scientifiche a sostegno delle diverse tesi.

L’importante risultato raggiunto è stato far incontrare tutte le parti interessate nell’ambito di dibattiti aperti e onesti su una vasta gamma di argomenti. Politica, scienza e cultura si sono uniti insieme per affrontare una delle piaghe del secolo. 

Tra i relatori, anche il prof. Kostantinos Farsalinos, dell’Onassis Cardiology Center di Atene, che ha presentato i risultati di uno degli ultimi studi condotti insieme ai ricercatori della Lega Italiana Antifumo: “Abbiamo dimostrato che negli svapatori la pressione arteriosa si abbassa e l’effetto dura per un anno” – ha detto. Pubblicato nella rivista medico-scientifica “Internal and Emergency Medicine”, infatti, lo studio ha provato che smettere o ridurre il consumo di sigarette di tabacco con l’uso di sigarette elettroniche ha effetti benefici sul sistema cardiovascolare, in particolare riducendo la pressione arteriosa nei soggetti con pressione elevata.

 

Il video dell’intervento del prof. Riccardo Polosa

Di seguito anche l’intervista ad uno dei nostri ricercatori: il dr. Christopher Russell 

 

 

Precedente CEN/TC 437: Entro il 2017 termini e definizioni per la standardizzazione delle e-cig
Prossimo Polosa sulla nuova dichiarazione di PHE: "Bisogna comunicare le evidenze scientifiche"

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Dalla Gran Bretagna una nuova alternativa al fumo che potrà essere prescritta come farmaco

Che Voke non sia una sigaretta convenzionale, è chiaro. Ma non è neanche una sigaretta elettronica, né una sigaretta a tabacco riscaldato (ndr, heat-no-burn). Questo nuovo ritrovato tecnologico per smettere

Curiosità

Linda Bauld è il nuovo membro del Comitato Scientifico LIAF

All’indomani della pubblicazione del nuovo report sulle sigarette elettroniche di Public Health England, Linda Bauld, una delle autrici di questo storico documento, entra a far parte del Comitato Scientifico internazionale per la ricerca applicata alle sigarette elettroniche. 

In evidenza

Pizzeria sotto casa. Come faccio a tutelarmi dal fumo che arriva in casa?

Qualche giorno fa, uno dei nostri utenti, preoccupato per il fumo passivo respirato a causa dei clienti della pizzeria sotto casa, a chiesto ai nostri ricercatori come può tutelare il suo diritto alla salute. Ecco la risposta del prof. Rapisarda.