Giornata di prevenzione contro i tumori del cavo orale. “SIGARETTA 4000 VOLTE PIU’ RISCHIOSA”

Giornata di prevenzione contro i tumori del cavo orale. “SIGARETTA 4000 VOLTE PIU’ RISCHIOSA”

Il fumo di sigaretta è il principale fattore di rischio per il tumore della bocca. Il più rischioso in assoluto. Più del Papilloma virus (infezione che si trasmette prevalentemente per via sessuale), dell’alcol e di tutte quelle condizioni che contribuiscono a un traumatismo cronico della superficie interna della bocca, come ad esempio l’errato posizionamento delle protesi dentarie o la scarsa igiene orale.

“Fumare una bionda è almeno 4000 volte più rischioso” – ha detto il prof. Riccardo Polosa, responsabile scientifico della Lega Italiana Antifumo, in occasione della seconda Giornata della Prevenzione e della Diagnosi precoce dei tumori del cavo orale promossa dall’Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani (AOOI).   

“Il fumo di sigaretta convenzionale rilascia oltre 7000 sostanze chimiche molte delle quali pericolose e dannose per la delicata mucosa orale. Tra queste – ha aggiunto lo scienziato catanese – potenti cancerogeni che sono presenti sia nella fase corpuscolata che in quella gassosa del fumo di sigarette”.

In Italia, nel 2014, il numero di fumatori era di circa 10,9 milioni, pari al 20,8% della popolazione (secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità) e i tumori alla bocca diagnosticati (secondo l’AIRC) sono stati quasi 4.500 con circa 3.000 decessi. E questo perché la diagnosi della malattia di solito viene fatta in ritardo, quando il tumore è ormai intrattabile. I tumori del cavo orale, peraltro, sono maggiormente diffusi tra gli uomini, specie tra i 50-60 anni, ma negli ultimi anni l’incidenza dei casi riscontrati anche nel mondo femminile è aumentata. Si riscontrano circa 12 nuovi casi all’anno ogni 100 mila abitanti. E il dato italiano è in crescita rispetto a quello degli altri Paesi europei.

E’ importante ricordare a questa fetta di popolazione italiana che: “Chi fuma corre un rischio triplicato di contrarre il tumore del cavo orale rispetto a chi non lo fa – ha aggiunto il presidente LIAF, prof.ssa Lidia Proietti – sensibilizzare i cittadini, informandoli di quali sono i maggiori fattori di rischio per la comparsa di questi tumori, è un passo fondamentale. Ben vengano le giornate di prevenzione come quella di domani!”.

Per conoscere quali sono le strutture ospedaliere siciliane che hanno aderito alla Giornata di prevenzione basta cliccare a questo link: http://www.giornataprevenzioneaooi.it/

Precedente R. Polosa su Rai 3 per commentare lo studio Oxford: "Smettere di colpo si può"
Prossimo Asma e sigaretta elettronica. Un nuovo studio su Discovery Medicine

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 231 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

R. Polosa a Las Vegas per parlare di tossicologia delle e-cig

Si sta svolgendo proprio in questi giorni a Las Vegas, in Nevada, il 36esimo Meeting Annuale dell’American College of Toxicology che riunisce ogni anno scienziati di tutto il mondo per parlare di Tossicologia

In evidenza

“The Times” palcoscenico di una nuova polemica scientifica sulla riduzione del rischio

Sul “The Times“, quotidiano d’informazione tra i più diffusi ed autorevoli al mondo, si riaccende il dibattito scientifico sulla lotta al tabagismo con la prevedibile polemica  a seguito della recente pubblicazione –

In evidenza

Zero Rischi: lo studio di Polosa è tra le ricerche più lette al mondo

Solo nel 2017, Scientific Reports ha pubblicato più di 24 mila ricerche e tra queste quella condotta dal prof. Riccardo Polosa ha già registrato più di 20 mila lettori riuscendo ad attestarsi l’ambizioso riconoscimento di essere classificata tra i primi 100 studi più letti dell’ultimo anno.