I 10 consigli utili per smettere di fumare

Come ogni anno, il 31 maggio si svolge la Giornata mondiale contro il  fumo di tabacco indetta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Per sensibilizzare i fumatori a smettere definitivamente di fumare i medici del CPCT – Centro per la Prevenzione e Cura dal Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania insieme ai ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo hanno creato una lista di 10 suggerimenti utili per iniziare un percorso di uscita dal tabagismo.

Ecco quali sono i 10 metodi più efficaci per smettere:

  1. Affidati ad un consulente antifumo. In Italia ci sono centinaia di Centri Antifumo attivi. La consulenza specifica di un esperto di smoking cessation consente di uscire dal tabagismo scegliendo la soluzione più adatta alle singole esigenze di ciascuno e assicura un più veloce raggiungimento dell’obiettivo.
  2. Fissa la data di STOP sul calendario. Oppure parla con le persone che ami comunicando e condividendo con loro la data che hai scelto per buttare le sigarette. Stabilisci una data reale e ottimale, una scadenza non realistica produrrà un fallimento che abbasserà  la tua capacità di smettere.
  3. Smetti gradualmente di fumare. Pianifica le tue attività smettendo poco alla volta e fissando obiettivi via via più importanti. I nostri dati dimostrano che smettere gradualmente ha una maggiore efficacia ma smettere di colpo ha comunque i suoi effetti positivi. Pianificate e scegliere, l’importante è l’obiettivo.
  4. SI assoluto all’utilizzo delle sigarette elettroniche. Se non riesci a smettere da solo, le elettroniche sono utili per ridurre i danni fumo correlati e per garantire una maggiore efficacia nel processo di uscita dal tabagismo.
  5. Se vi è più consono, scegliete una combinazione di consulenza e utilizzo dei farmaci antifumo. Ce ne sono diversi in commercio e non serve prenderli per molto tempo. L’importante è che la consulenza sia sempre fatta da un professionista del settore.
  6. Seguite una dieta sana e a base di cibi che contengono nicotina. Ci sono diversi alimenti che aiutano a smettere di fumare (ad esempio: pomodori, peperoni, peperoncini, melanzane e patate).
  7. Fate in maniera costante qualcosa che vi dia gioia e serenità. I vostri figli, la scrittura, la lettura, uscire con gli amici. Qualunque cosa vi rilassa e vi stimola va bene per distrarvi dal bisogno di fumo.
  8. Si allo SPORT! Aiuta tantissimo.
  9. Leggete i libri che aiutano a smettere di fumare, scrivetevi ai gruppi social per persone che vogliono smettere, comunicati sui vostri profili social di aver smesso, scaricate le app e condividete la vostra scelta di cambiare.
  10. Ricordatevi che è sempre attivo il numero verde 800664088. 
Precedente 31 MAGGIO 2018: AL POLICLINICO VITTORIO EMANUELE VISITE GRATUITE PER SMETTERE DI FUMARE
Prossimo Brochure e video LIAF 2018

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

“Effetto Gateway” – per Polosa “non esistono dati che lo dimostrano”

Non esiste alcuna evidenza scientifica certa sull’effetto gateway, di avvicinamento cioè dei giovani al fumo di sigaretta passando prima per il vapore delle e-cig, di cui in questi giorni si discute a partire da una ricerca proveniente dagli Stati Uniti.

News

A “Stare bene senza fumo” parlano i pediatri: “Un colpo di tosse di una mamma che fuma è una vera impallinata”

Le nuove norme previste dal Decreto Lorenzin fanno particolare attenzione al fumo passivo ed alla tutela dei minori. Cosa ne pensano i pediatri della nuova normativa? Va bene o si

In evidenza

Sigarette elettroniche e sostenibilità delle nuove regole. Subito un odg e un ulteriore emendamento per trovare correttivi utili.

L’approvazione dell’emendamento Vicari, che riguarda il divieto di vendita delle sigarette elettroniche online e la successiva sentenza della Consulta che impone un’imposta a tutti i liquidi, anche quelli senza nicotina, ha creato la sensazione che si voglia spazzare via un intero settore.
Sono iniziati così i lavori della tavola rotonda che si è tenuta il 29 novembre 2017 a Palazzo Valdina a Roma (Camera dei Deputati) durante il quale si è cercato di fare luce sulle soluzioni in campo e sui margini di collaborazione tra industria, istituzioni e associazioni di categoria.