Harvard, diacetile negli e-liquids? Interviene il prof. Polosa

Harvard, diacetile negli e-liquids? Interviene il prof. Polosa

Secondo una notizia diffusa anche dalla nota agenzia di stampa ANSA, “il 75% delle sigarette elettroniche aromatizzate in commercio potrebbe contenere una sostanza chimica legata a una malattia dei polmoni, la bronchiolite ostruttiva”. Lo avrebbe affermato uno studio dell’università di Harvard pubblicato dalla rivista Environmental Health Perspectives.

ricardo_ecig 2015-11-12 at 14.32.33

Prof. Riccardo Polosa

Il prof. Riccardo Polosa, responsabile scientifico della Lega Italiana Anti Fumo e autore più importante al mondo nel campo della Ricerca applicata alla sigaretta elettronica ci tiene però a precisare:

“Gli autori di questo studio hanno affermato che: “E’ stato quantificato Diacetile oltre la soglia minima di rilevazione analitica in 39 aromi sui 51 testati, con un valore massimo di 239 μg per sigaretta elettronica”. Quello che non hanno scritto – e che invece avrebbero dovuto affermare – è che: “la quantità di Diacetile riscontrata è in media di 30 mcg per sigaretta elettronica (cioè un livello pari a circa 20 volte inferiore a quello riscontrato in una sola sigaretta convenzionale) e solamente uno dei 51 prodotti oggetto dell’inchiesta aveva livelli molto elevati di diacetile, pari a 239 μg. Infine, è da notare che l’associazione con la bronchiolite è stata dimostrata solo per il Diacetile e che il riferimento al 2,3 pentanedione e acetoina (sebbene chimicamente interessante) è clinicamente irrilevante”

Precedente COMUNICA LIAF ANCHE TU: DONA E RICEVI I GADGET DELLA RICERCA
Prossimo Consapevolezza e Tabagismo: come smettere di fumare, diventare e rimanere ex-fumatori

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 237 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Progetto DIASMOKE: l’Italia vince il GRAND, premio internazionale per la ricerca

Lo studio indagherà la riduzione della dipendenza da nicotina nei pazienti diabetici Il Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania e dell’Ospedale Vittorio Emanuele ha vinto

Comunicati stampa

E-CIG: UN FORTE PASSO AVANTI PER LA SALUTE PUBBLICA EUROPEA

LIAF (Lega Italiana Anti Fumo LIAF) – con la collaborazione dall’eurodeputato Giovanni La Via – ha organizzato per domani alle ore 12.30 (stanza 6Q1 – Rue Wiertz – Brussels) un meeting al quale parteciperanno i maggiori esperti del panorama scientifico internazionale.  

Comunicati stampa

Cooperazione sanitaria: a Catania un progetto da replicare

Farmacisti, medici e ricerca scientifica insieme per un servizio sanitario migliore. << Il “Progetto Osteoporosi in Farmacia” ideato dal Prof. Riccardo Polosa dell’Università di Catania, è un esempio di ottima