I mozziconi che non fanno germogliare le piante

I mozziconi che non fanno germogliare le piante

I mozziconi di sigarette costituiscono uno dei fattori d’inquinamento ambientale maggiormente diffusi anche per le piante.

I ricercatori dell’Università Anglia Ruskin (ARU), Inghilterra, hanno recentemente pubblicato uno studio che mostra come i mozziconi delle sigarette nel terreno possono ridurre il livello di successo della germinazione.

Effettuando lo studio su piante come il trifoglio si è evidenziato una riduzione del 27% sulla germinazione e del 28% nella lunghezza del germoglio.

Il mozzicone colpisce anche le radici della pianta riducendone il peso di oltre la metà. Bas Boots, docente di biologia all’Aru ha pubblicato il primo studio che analizza l’impatto dei mozziconi di sigarette sulle piante, evidenziando come solo intorno alla città di Cambridge i ricercatori hanno trovato aree con 128 mozziconi di sigarette per ogni metro quadrato e affermando che: «Sebbene sia necessario lavorarci ulteriormente, riteniamo che sia la composizione chimica del filtro a causare danni alle piante. La maggior parte sono costituiti da fibre di acetato di cellulosa e dalle sostanze chimiche aggiunte che rendono la plastica più flessibile, chiamate plastificanti, che possono anche essere trasportate per lisciviazione e influire negativamente sulle prime fasi dello sviluppo delle piante».

Precedente I primi 15 partecipanti alla summer school sul Project Management
Prossimo Vende bionde ai minori e becca una multa di 3 mila euro

Autore

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro 32 articoli

Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Giulia Veronesi: “l’elettronica fa smettere e i medici dovrebbero consigliarla”

Giulia Veronesi: “Consentire ai medici di prescrivere la sigaretta elettronica come strumento per uscire dal tabagismo potrebbe aiutare anche a promuovere un uso sempre più controllato”

News

Vapeshop: come aumentare le probabilità dei fumatori di smettere

Uno studio pilota condotto dall’Università di Catania, in collaborazione con il CNR di Palermo e l’INSERM di Parigi, dimostra che i fumatori che passano alla sigaretta elettronica hanno più probabilità di successo nella cessazione se supportati da negozianti preparati che conoscono bene il prodotto e la psicologia del fumatore.

News

Consultazione Commissione Europea su tassazione e-cig: Facciamo sentire la nostra voce!

L’invito che anche il Comitato vuole rivolgere ai suoi sostenitori e ai consumatori di e-cig è di condividere e partecipare alla Consultazione rispondendo alle domande poste dalla Commissione Europea sui liquidi da inalazione per sigarette elettroniche.