Il fumo raddoppia l’età biologica

Il fumo raddoppia l’età biologica

La ricerca della Insilico Medicine, una compagnia americana con sede nei Johns Hopkins University’s Emerging Technology Centers che si occupa di biotecnologia e intelligenza artificiale, ha evidenziato come uomini e donne che fumano dimostrino in media circa il doppio dell’età biologica se paragonati ai non fumatori.

Lo studio pubblicato su Scientific Reports ha sfruttato l’intelligenza artificiale per analizzare la composizione biochimica del sangue di circa 149 mila adulti, in modo da analizzare l’impatto del fumo e le differenze di età biologica tra fumatori e non fumatori. 

Utilizzando dei modelli di previsione dell’età, è emerso che i fumatori hanno un rapporto di invecchiamento più elevato rispetto a chi non ha questa brutta abitudine.

Sia gli uomini che le donne dimostravano il doppio degli anni rispetto ai non fumatori.

Come evidenzia Polina Mamoshina, ricercatrice senior della compagnia: “Il fumo è un problema reale, che mina la salute delle persone, provoca morti premature ed è spesso la causa di molte gravi malattie. Abbiamo applicato l’intelligenza artificiale per dimostrare che aumenta significativamente l’età biologica”.

Inoltre, i risultati dello studio suggeriscono che l’analisi approfondita degli esami del sangue di routine potrebbe sostituire l’attuale metodo di auto-segnalazione dello stato di fumatore e valutare l’influenza che altri fattori ambientali e stili di vita hanno sull’invecchiamento . 

Precedente Il fumo resta la causa primaria del cancro
Prossimo Sentenza epocale della Cassazione: approvato risarcimento per danni da fumo passivo

Autore

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro 33 articoli

Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Pubblicato l’elenco dei Centri Antifumo 2015. A Catania, un polo dedicato alla Ricerca

Pubblicato sul sito del Ministero della Salute, ISS – Osservatorio Fumo, Alcol e Droga, il nuovo elenco dei Centri Antifumo italiani, aggiornato al 2015. A Catania, l’unico un polo dedicato alla Ricerca è quello guidato dal prof. Riccardo Polosa

Curiosità

Giornata mondiale dell’asma 2016 – Priorità alla lotta al tabagismo

In occasione della Giornata Mondiale dell’Asma indetta per oggi, martedì 3 maggio 2016, dall’Organizzazione Internazionale GINA (Global Iniziative for Asthma), anche quest’anno i medici del Reparto di Medicina Interna e D’Urgenza del Policlinico di Catania con il sostegno dei ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo hanno collaborato alla promozione delle attività di sensibilizzazione sul tema in ambito internazionale.

In evidenza

Linda Bauld è il nuovo membro del Comitato Scientifico LIAF

All’indomani della pubblicazione del nuovo report sulle sigarette elettroniche di Public Health England, Linda Bauld, una delle autrici di questo storico documento, entra a far parte del Comitato Scientifico internazionale per la ricerca applicata alle sigarette elettroniche.