IL MARE DI SICILIA PALCOSCENICO DELLA LOTTA AL FUMO

IL MARE DI SICILIA PALCOSCENICO DELLA LOTTA AL FUMO

Lo sport ti salva e ti aiuta a sconfiggere il fumo. Fare sport quando si intraprende un percorso di uscita dal tabagismo, infatti, è davvero importante per evitare di ricominciare. Ed è questo il centro del significato della giornata che si è appena conclusa al Lido Bellatrix di Catania.

I ricercatori del Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania hanno ascoltato decine di fumatori ed effettuato consulenze gratuite. L’iniziativa ha visto il coinvolgimento del CUS Catania e dei sommozzatori dell’Esa Diving School che hanno saputo coniugare sport e benessere offrendo la possibilità a tanti fumatori e non di provare l’emozionante esperienza del “Battesimo del mare”.

“Switch on the beach” è una delle numerose iniziative che precedono l’inaugurazione del CoEHAR – il Centro di Ricerca per la Riduzione del danno da Fumo del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Catania di cui il direttore è proprio il prof. Riccardo Polosa, l’esperto di malattie fumo correlate ormai noto in tutto il mondo per i risultati raggiunti nella ricerca contro il fumo.

“Il CoEHAR – ha detto – è un’opportunità per tutti e consentirà all’ateneo di essere parte integrante di un network globale che ha un unico grande obiettivo: liberare il mondo dal fumo. Ed è proprio in questa missione – ha concluso il docente catanese – che i ricercatori del CoEHAR avranno un ruolo di fondamentale importanza”.

Precedente Incontro a Catania per il progetto della Regione Siciliana: Smoke Free Sicily
Prossimo Inghilterra fuoriclasse: fumatori ancora in calo nel 2017

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 225 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

E-cig, nuovo studio su danni ai polmoni. Polosa: “Ennesima ricerca fatta a casaccio”

Secondo una ricerca pubblicata sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, e poi diffusa anche dai media nazionali e internazionali, il “fumo elettronico” attiverebbe una risposta immunitaria che potrebbe portare a infiammazione delle vie respiratorie. Le preoccupazioni diffuse sulla base di questi risultati non raccolgono, però, l’approvazione del Comitato Scientifico Internazionale per la Ricerca sulla sigaretta elettronica guidato dal prof. Riccardo Polosa dell’Università degli Studi di Catania. 

Iniziative

Farmaco antifumo a costo contenuto

E’ noto che il bupropione cloridrato rappresenti uno dei pochi presidi farmacologici con specifica indicazione per la disassuefazione dal vizio del fumo di sigaretta e  pertanto risulta importante nel difficile

News

E-cig e asma: ecco le prime prove sulle migliorate condizioni respiratorie negli asmatici fumatori

L’asma è una delle principali cause di disabilità al mondo e la malattia cronica più comune nei bambini e giovani adulti, soprattutto a causa della sua insorgenza precoce. Si stima