Il progetto EQUIPP fotografa la rete antismoking in Europa

Il progetto EQUIPP fotografa la rete antismoking in Europa

Oltre 78 milioni di fumatori in Europa vogliono smettere, ma il 50% di loro trova i servizi per la cessazione del fumo inadeguati e carenti. L’87% degli operatori sanitari ritiene necessario avere maggiore formazione sulle cure antitabagiche.
Farmaci antifumo rimborsabili, aumento del costo delle sigarette, consulenza medica per i fumatori, formazione mirata in cure antitabagiche per i medici, campagne sociali e mediatiche per la popolazione, sono le priorità che emergono dal report EQUIPP.
COS’E’ EQUIPP, (Europe Quitting: Progress and Pathways)
La guida EQUIPP, che ha fotografato la situazione legislativa e delle infrastrutture antismoking in 20 paesi europei, vuole essere un punto di partenza per attuare strategie volte alla riduzione della dipendenza tabagica secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’articolo 14 dell’FCTC, (Convenzione Quadro sul Controllo del Tabacco). Il Progetto EQUIPP è stato avviato e finanziato dalla Pfizer.
Più di 60 esperti hanno contribuito a illustrare come i rispettivi paesi affrontano il problema del fumo di sigarette, valutando aspetti organizzativi, medici, legislativi e sociologici.
Sono stati intervistati circa 2.500 operatori sanitari, e circa 40 mila persone fumatori e non, appartenenti a Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.
RISULTATI PER L’ITALIA
L’Italia dovrebbe migliorare il network di centri antifumo presenti sul territorio nazionale e la qualità dei servizi erogati. La popolazione dovrebbe essere maggiormente informata sulle procedure mediche per la cessazione da fumo e indirizzata nei centri specialistici, chi vuole smettere di fumare afferma infatti che non riceve sostegno adeguato. I medici si dichiarano poco informati sulle procedure per la cessazione da fumo e richiedono una formazione mirata. Il sistema sanitario dovrebbe garantire il couseling e la rimborsabilità dei farmaci antifumo.
CHI HA PARTECIPATO PER L’ITALIA
La Dott.ssa Antonella Cardone Ingegnere dell’Università del Terzo Settore di Roma, editor del report EQUIPP; la Dott.ssa Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione del Ministero della Salute; il Prof. Stefano Nardini dell’Ospedale Vittorio Veneto e il Prof. Riccardo Polosa
Precedente No Tobacco Day, 31 maggio 2011: In Sicilia formata una rete di Centri Antifumo
Prossimo Primo studio al mondo sugli inalatori PAIPO

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

VAPING – EUROPEAN PARLIAMENT – 20 MARCH IN BRUSSELS

Use of e-cigarettes in the world is growing continuously. However, Europe is falling behind. It is essential that Europe exploits the potential of this technology to reduce the impact of smoking on European Public Health. For this reason, the Italian Anti-Smoking League (Lega Italiana Anti Fumo – LIAF), hosted by MEP Giovanni La Via (former Chair of the ENVI Committee), is bringing experts and policymakers to the European Parliament to discuss the benefits of electronic cigarettes. The event takes place on 20 March 2018 at 12.30 p.m. and will allow experts to exchange views on the potential of e-cigarettes to help reshape European health.

In evidenza

No Tobacco Day 2017 – Il “Policlinico – Vittorio Emanuele” si libera dal fumo

Saranno presentate il prossimo Venerdì 9 Giugno alle ore 9 nell’Aula “Pero” del “Policlinico – Vittorio Emanuele” tutte le nuove iniziative “smoke free” avviate dal “Policlinico – Vittorio Emanuele” grazie alla collaborazione con la Lega Italiana Anti Fumo – LIAF, l’Università degli Studi di Catania ed il Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo (CPCT) dello stesso Policlinico.

Comunicati stampa

Esperti al Parlamento Europeo: “Serve un contesto normativo positivo” (SCARICA LA PRESENTAZIONE DEI RELATORI)

La LIAF (Lega Italiana Anti Fumo) ha accolto le conclusioni di un gruppo di esperti internazionali ospitati questa mattina al Parlamento Europeo dall’eurodeputato Giovanni La Via. L’evento, dal titolo: “Sigarette elettroniche: un forte passo avanti per la salute pubblica europea” ha riunito scienziati ed esperti di tutto il mondo che hanno presentato le evidenze scientifiche sullo strumento che potrebbe far smettere di fumare milioni di persone.