Il progetto EQUIPP fotografa la rete antismoking in Europa

Il progetto EQUIPP fotografa la rete antismoking in Europa

Oltre 78 milioni di fumatori in Europa vogliono smettere, ma il 50% di loro trova i servizi per la cessazione del fumo inadeguati e carenti. L’87% degli operatori sanitari ritiene necessario avere maggiore formazione sulle cure antitabagiche.
Farmaci antifumo rimborsabili, aumento del costo delle sigarette, consulenza medica per i fumatori, formazione mirata in cure antitabagiche per i medici, campagne sociali e mediatiche per la popolazione, sono le priorità che emergono dal report EQUIPP.
COS’E’ EQUIPP, (Europe Quitting: Progress and Pathways)
La guida EQUIPP, che ha fotografato la situazione legislativa e delle infrastrutture antismoking in 20 paesi europei, vuole essere un punto di partenza per attuare strategie volte alla riduzione della dipendenza tabagica secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’articolo 14 dell’FCTC, (Convenzione Quadro sul Controllo del Tabacco). Il Progetto EQUIPP è stato avviato e finanziato dalla Pfizer.
Più di 60 esperti hanno contribuito a illustrare come i rispettivi paesi affrontano il problema del fumo di sigarette, valutando aspetti organizzativi, medici, legislativi e sociologici.
Sono stati intervistati circa 2.500 operatori sanitari, e circa 40 mila persone fumatori e non, appartenenti a Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.
RISULTATI PER L’ITALIA
L’Italia dovrebbe migliorare il network di centri antifumo presenti sul territorio nazionale e la qualità dei servizi erogati. La popolazione dovrebbe essere maggiormente informata sulle procedure mediche per la cessazione da fumo e indirizzata nei centri specialistici, chi vuole smettere di fumare afferma infatti che non riceve sostegno adeguato. I medici si dichiarano poco informati sulle procedure per la cessazione da fumo e richiedono una formazione mirata. Il sistema sanitario dovrebbe garantire il couseling e la rimborsabilità dei farmaci antifumo.
CHI HA PARTECIPATO PER L’ITALIA
La Dott.ssa Antonella Cardone Ingegnere dell’Università del Terzo Settore di Roma, editor del report EQUIPP; la Dott.ssa Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione del Ministero della Salute; il Prof. Stefano Nardini dell’Ospedale Vittorio Veneto e il Prof. Riccardo Polosa
Precedente No Tobacco Day, 31 maggio 2011: In Sicilia formata una rete di Centri Antifumo
Prossimo Primo studio al mondo sugli inalatori PAIPO

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Polosa: nuove collaborazione con l’Università di Bucarest

Il prof. Riccardo Polosa in Romania per avviare le collaborazioni tra l’Università degli Studi di Catania e quella rumena. 

In evidenza

Riccardo Polosa partecipa all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Riccardo Polosa domani a New York parteciperà alla Terza Assemblea Generale delle Nazione Unite sulle malattie non trasmissibili istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Un’occasione unica per il docente dell’Università di Catania che interverrà come autorevole membro della comunità scientifica internazionale per parlare di politiche di salute pubblica e di interventi necessari a ridurre l’impatto del fumo nel mondo.

Iniziative

Mamme, papà e bambini: ecco i danni del fumo

Concepimento Le sostanze nocive legate al fumo influenzano negativamente la regolare ovulazione nelle donne e la produzione di spermatozoi negli uomini, creando difficoltà nel concepimento. Fumo in gravidanza Sostanze nocive