Il “toast bruciato” di Polosa al Parlamento inglese

Il “toast bruciato” di Polosa al Parlamento inglese

Londra 09/01/2017 – Si è tenuto questa mattina al Parlamento inglese di Londra, nella Wilson Room – Portcullis House, l’atteso incontro che ha visto come primo oratore il prof. Riccardo Polosa dell’Università degli Studi di Catania.

Alle 9.30 esatte, la commissione tecnica Science and Technology Select Committee, chiamata a valutare tutte le evidenze scientifiche sulla sigaretta elettronica per la programmazione di politiche pubbliche sanitarie, ha aperto il dibattito alla presenza dei tre grandi esponenti del panorama scientifico mondiale:  Riccardo PolosaPeter Hajek e Mark Conner. 

Nel suo intervento, che è già virale su twitter, Polosa ha ben evidenziato il suo punto di vista sulle modalità utilizzate per la valutazione scientifica delle sigarette elettroniche.

Riportando l’esempio del toast bruciato, Polosa ha spiegato alla Commissione che molte delle notizie diffuse dai media, soprattutto italiani, si basano su valutazioni di laboratorio che non rispettano standard di riferimento ufficiali. 

“Se riscaldiamo un toast in un tostapane ad una temperatura standard e per un tempo limitato – ha spiegato lo scienziato catanese – il toast per la colazione sarà perfetto (gold toast). Se riscaldiamo invece un toast in un tostapane ad una temperatura troppo alta e per molto più di 5 minuti – seppur buono – il toast verrà bruciato e conterrà dentro anche elementi cancerogeni”.

Così, per analogia, la valutazione scientifica delle sigarette elettroniche negli ultimi anni ha avuto lo stesso procedimento del toast bruciato. Gli strumenti di laboratorio utilizzati per valutare le sigarette elettroniche sono stati alimentati a temperature troppo alte che di frequente riscaldano esageratamente il dispositivo elettronico e producono un vapore talmente lontano dal normale utilizzo umano che arriva quasi a contenere sostanze cancerogeni.

“I risultati fuorvianti di studi condotti con questi metodi sono stati diffusi dai media e hanno prodotto nel tempo un errore enorme di valutazione, allontanando migliaia di fumatori dalla possibilità di smettere di fumare – ha aggiunto Polosa – la necessità di stabilire standard di riferimento efficaci e condivisi per la valutazione dello strumento deve essere una prerogativa mondiale” 

 

PER RIVEDERE L’INTERVENTO COMPLETO CLICCA QUI 

 

Precedente Sigarette elettroniche e sostenibilità delle nuove regole. Subito un odg e un ulteriore emendamento per trovare correttivi utili.
Prossimo Francesca Festa: una storia di svapatori tra tasse e salute

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Dalla Gran Bretagna una nuova alternativa al fumo che potrà essere prescritta come farmaco

Che Voke non sia una sigaretta convenzionale, è chiaro. Ma non è neanche una sigaretta elettronica, né una sigaretta a tabacco riscaldato (ndr, heat-no-burn). Questo nuovo ritrovato tecnologico per smettere

Comunicati stampa

Lotta al tabagismo: l’Università di Catania e i farmacisti siciliani

 Nell’ambito del progetto nazionale CCM2 del Ministero della Salute dedicato alle attività di contrasto al tabagismo, il Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo (CPCT), dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Policlinico-Vittorio Emanuele”,

Influenti dello svapo

Stefano Caliciuri, la voce del vaping italiano

Secondo appuntamento con la rubrica dedicata agli “influenti dello svapo”. Oggi, Valeria Nicolosi e Gabriella Finocchiaro incontrano Stefano Caliciuri, la voce più autorevole dell’informazione giornalistica italiana dedicata al mondo del vaping.