Incontro a Catania per il progetto della Regione Siciliana: Smoke Free Sicily

Incontro a Catania per il progetto della Regione Siciliana: Smoke Free Sicily

L’assessore alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza, ha incontrato stamane a Catania la delegazione statunitense della Fondazione “Smoke Free World“. L’idea, nata delle istituzioni regionali, è quella di condividere in ambito internazionale il progetto denominato “Smoke Free Sicily“.

Presenti all’incontro tenutosi a Palazzo Esa, il presidente della Fondazione “Smoke free World”, Derek Yach, ed ad alcuni delegati dell’organizzazione. Con loro, il Rettore dell’Università degli Studi di Catania, Francesco Basile, i rappresentanti del CoEHAR, tra cui il direttore Riccardo Polosa, ed il presidente della Lega Italiana Anti Fumo (LIAF), Ezio Campagna.

Questo appuntamento segna l’inizio di un dialogo e di una collaborazione importante tra le istituzioni siciliane ed il mondo della ricerca contro il fumo.

In coincidenza, peraltro, domani a Catania sarà la volta di “Switch on the beach”, l’evento che si terrà al Lido Bellatrix e che sarà interamente dedicato alla promozione di stili di vita sani. Per tutta la giornata sarà possibile usufruire delle consulenze gratuite antifumo coordinate dai ricercatori del CPCT – Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo del Policlinico di Catania e, nel pomeriggio, saranno effettuate immersioni e visite guidate nei fondali della costa catanese grazie alla collaborazione del CUS – Centro Universitario Sportivo dell’Università di Catania.

Precedente Pizzeria sotto casa. Come faccio a tutelarmi dal fumo che arriva in casa?
Prossimo IL MARE DI SICILIA PALCOSCENICO DELLA LOTTA AL FUMO

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 230 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Walter Ricciardi sulla nuova campagna antifumo e sulla regolamentazione e-cig

Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene ai microfoni della Lega Italiana Antifumo per parlare di Legge Antifumo e strumenti alternativi per smettere di fumare.

Consigli per smettere

Danni del fumo sulla pelle? Risponde la dermatologa delle vip

Al via la nuova rubrica “Stare bene senza fumo” che vi accompagnerà per cinque settimane con delle interviste speciali ad esperti di varie branche della medicina. Si parte con la dott.ssa Chantal Sciuto, la dermatologa delle vip che parla dei danni causati dal fumo sulla pelle.

Approfondimenti

Internet e Social Media. Come smettere di fumare rimanendo on-line

Secondo diversi studi condotti dai ricercatori del Centro Antifumo del Policlinico Universitario di Catania, i Social Media possono rappresentare uno strumento promettente per smettere di fumare. Ecco un elenco di azioni che secondo gli specialisti antifumo possono essere generate e sfruttate attraverso i social network.