Italia, la penisola delle spiagge smoke free

Italia, la penisola delle spiagge smoke free

Sarà un’estate 2019 difficile quella che si prospetta in spiaggia per i fumatori italiani. Dopo Sassari, Olbia e La Pelosaa Stintino, la famosa costa  che sorge davanti all’isola dell’Asinara, continuano ad arrivare da altre località notizie sempre più diffuse di divieto di fumo in spiaggia.

La Confcommercio di Lampedusa, proprio in questi giorni, si è detta favorevole all’ordinanza dell’amministrazione che ha emesso il divieto di fumare nelle spiagge delle isole Pelagie a partire dal 1 Giugno.

La meravigliosa Isola dei Conigli è salva dal fumo!

Ma non è tutto, anche la località marina di Bibione in Veneto, prima cittadina balneare italiana no smoking, ha bandito le sigarette con divieto assoluto aderendo al progetto “respira il mare”. Una lodevole iniziativa che ottenuto il sostegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e di numerose istituzioni.

Da Bibione a Rimini, si aggiunge poi anche il divieto di fumo sulla spiaggia di Diano Marina, in provincia di Imperia; Bagni di Sant’Antonio delle Fornaci vicino Savona e in Liguria e su tutto il litorale genovese che va da Sturla a Nervi.

Per i fumatori sarà davvero difficile fumare al mare. Nelle località dove è previsto il divieto di fumo, le spiagge attrezzate indicheranno apposite aree stabilite dai titolari degli stabilimenti, nonché dalla vigilanza delle spiagge.

Ma se persiste il divieto di fumo di sigaretta convenzionale, nessuno si esprime sull’uso di dispositivi elettronici o a tabacco riscaldato che potrebbero rappresentare delle soluzioni meno inquinanti per la fauna e per l’aria.

Da parte del presidente LIAF, Ezio Campagna: “Va comunque un plauso ai responsabili di tutte queste iniziative che mirano non solo a tutelare la salute ma anche l’ambiente e la sua fauna e ricordando a tutti che i mozziconi di sigaretta non sono biodegradabili e hanno effetti tossici su microrganismi, insetti, animali acquatici e uccelli. Una spiaggia libera dal fumo è un buon biglietto da visita per turisti e cittadini“.

Se anche tu conosci una spiaggia italiana senza fumo, segnalalo alla LIAF! E aiutaci a costruire la mappa delle spiagge italiane smoke free! Invia email a [email protected]

Precedente World No Tobacco Day 2019
Prossimo Quanta intelligenza ecologica hai?

Autore

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro 38 articoli

Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Il fumo resta la causa primaria del cancro

Aumentano i numeri del cancro e la causa primaria resta il fumo. E’ stato presentato infatti il volume sui numeri del cancro. Secondo gli esperti, i numeri sono in linea

Consigli per smettere

I 10 consigli utili per smettere di fumare

Per sensibilizzare i fumatori a smettere definitivamente di fumare i medici del CPCT – Centro per la Prevenzione e Cura dal Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania insieme ai ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo hanno creato una lista di 10 suggerimenti utili per iniziare un percorso di uscita dal tabagismo. 

In evidenza

Ecig e cancro ai polmoni: rischio 50 mila volte inferiore rispetto alle bionde

Su 100 mila fumatori di sigaretta convenzionale si riscontrano 40 mila casi di cancro. Su 100 mila utilizzatori di sigaretta elettronica, si riscontrano 0,7 casi di cancro.