La Crociata Antifumo a Catania: analisi dei primi cinque anni

La Crociata Antifumo a Catania: analisi dei primi cinque anni

Nel giorno di giovedì 10 maggio 2007, nella sala Etna del Grand Hotel Excelsior di Catania, il Club Rotary Etna Sud Est ha invitato il Prof. Riccardo Polosa, Presidente della Lega Italiana Anti Fumo (LIAF), a esporre sui rischi per la salute legati al fumo di sigaretta per mezzo di una conferenza dal titolo accattivante: “La Crociata Antifumo a Catania: analisi dei primi cinque anni”. Il Prof. Polosa ha dato avvio alla sua entusiasmante conferenza con una carrellata di immagini relative alle malattie, talora mortali, imputate al fumo di sigaretta. L’accento è stato posto volutamente sull’orrore evocato da immagini che ritraggono persone ospedalizzate per via di un vizio che talora impone un dazio troppo salato; la vita stessa. Ma anche sui danni che vengono causati dal fumo di sigaretta nei confronti della sfera sessuale di uomini e donne. Questi danni sono stati messi in risalto dai dati di una recente ricerca in collaborazione con il Prof. Aldo Calogero dell’Istituto di Andrologia dell’Università di Catania sugli effetti del fumo di sigaretta sulla funzione spermatica.

Tra percentuali che segnalano il preoccupante incremento della diffusione del fumo tra le donne, la drammatica evidenza che gli adolescenti usano sempre più di frequente il tabacco quale strumento di aggregazione sociale tra i pari grado (viene sottolineato in particolare il rischio registrato nella fascia di età tra i 10 e i 15 anni), ed i tristemente noti danni derivati da nicotina e derivati, si illustrano le iniziative della LIAF che già da diversi anni lotta per una società migliore liberata dal fumo di sigaretta. In particolare, il Prof. Polosa ha descritto un recente progetto di prevenzione socio-sanitaria incentrato sul ruolo attivo della famiglia come “struttura” capace di tutelare il diritto del minore a crescere in un ambiente domestico sano e non inquinato dal fumo di sigaretta.

Il pubblico in sala ha colto al volo il chiaro messaggio lanciato dal Prof. Polosa: quello che serve in una società soggiogata dalle apparenze è un modello. Purtroppo, chiarisce il Presidente LIAF, è penoso constatare che questi modelli comportamentali ideali risultano latitanti. Perché un fumatore dovrebbe accettare il consiglio di smettere da un medico a sua volta fumatore? Le cifre denunciano che in Italia la percentuale di medici che fuma risulta pari al 40%, percentuale che risulta di molto più elevata se confrontata con la percentuale di fumatori nel loro complesso. Questa denuncia è stata puntualmente suffragata dai risultati di una ricerca pubblicata lo scorso anno in collaborazione con la Prof.ssa Lidia Proietti dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Catania che ha valutato l’atteggiamento nei confronti del fumo di sigaretta in 2000 operatori sanitari di due importanti aziende sanitarie cittadine.

Ma accanto a medici che sottostimano i rischi del fumo ce ne sono altri che si impegnano quotidianamente a proteggere le generazioni future. Il Prof. Polosa e la sua equipe si avvalgono di collaborazioni con enti nazionali ed internazionali per aiutare coloro che (purtroppo) la nostra società non ha ancora imparato a riconoscere come malati ed hanno approntato strategie diversificate per affrontare con successo questi problemi. Queste sono illustrate nel dettaglio nel sito ufficiale della LIAF: www.liaf-onlus.org

La LIAF vuole continuare a perseguire finalità dirette alla prevenzione e alla identificazione precoce di patologie correlate al fumo di sigaretta attraverso programmi che promuovono la ricerca scientifica e l’educazione del pubblico. Ma per essere più efficaci servono leggi, accordi di cooperazione, e finanziamenti. A conclusione della sua conferenza il Presidente LIAF ha invitato i soci del Rotary Etna Sud-Est ed il loro Presidente Maurizio Passanisi a sottoscrivere e co-finanziare la prossima grande iniziativa antifumo cittadina prevista in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco prevista per il 31 Maggio 2007.

Il pubblico ha manifestato il suo interesse con un dibattito conclusivo che è durato a lungo e che ha sancito la promessa di una stretta e duratura collaborazione tra LIAF e Rotary Club.

Precedente Sigarette light e tumore del polmone: qual è la verità
Prossimo 31 maggio 2007: Giornata mondiale senza tabacco con LIAF

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

U-Biopred 2015: Unict presenta un nuovo studio su asma e fumo

Il palcoscenico del Faculty Club di Leuven accoglie il dott. Massimo Caruso, biologo ricercatore dell’Ateneo catanese, per la presentazione di un sottostudio sulle relazioni pericolose tra fumo e asma, avviato grazie ai risultati proveniente da U-BIOPRED.

Comunicati stampa

E-CIG: UN FORTE PASSO AVANTI PER LA SALUTE PUBBLICA EUROPEA

LIAF (Lega Italiana Anti Fumo LIAF) – con la collaborazione dall’eurodeputato Giovanni La Via – ha organizzato per domani alle ore 12.30 (stanza 6Q1 – Rue Wiertz – Brussels) un meeting al quale parteciperanno i maggiori esperti del panorama scientifico internazionale.  

Iniziative

Master in Smoking Cessation & Prevention

Parte la seconda edizione del Master LIAF in Smoking Cessation & Prevention, aperte le iscrizione per giovani laureandi e laureati che vogliono diventare esperti in terapie antitabagiche. LIAF Lega Italiana