La sanità inglese lancia la prima campagna antifumo che promuove le sigarette elettroniche

La sanità inglese lancia la prima campagna antifumo che promuove le sigarette elettroniche

In Inghilterra per la prima volta al mondo è stata lanciata una campagna pubblicitaria che invita i fumatori a smettere di fumare utilizzando la sigaretta elettronica. 

Si tratta della nuova pubblicità governativa del sistema “Stoptober“, il programma del Public Health England che consente ai fumatori di trovare supporto e suggerimenti utili per smettere definitivamente di fumare.

La pubblicità, già on line da qualche giorno, dal mese di Ottobre sarà anche trasmessa in televisione.

Una rivoluzione in termini comunicativi che non poteva non partire proprio dall’Inghilterra, il Paese che – come ricordiamo – per la prima volta ha consentito ai medici di base di prescrivere la sigaretta elettronica come strumento per smettere di fumare.

Quasi 3 milioni di persone utilizzano oggi l’e-cig nel Regno Unito e più della metà ha abbandonato definitivamente il fumo di sigaretta convenzionale. Mentre il tasso di fumatori continua a scendere inesorabilmente, aumenta il numero di svapatori. Le cifre più recenti hanno dimostrato che dal 21% di fumatori del 2007 siamo passati al 15% nel 2017.

Una persona su 20 utilizza le e-cig … e spesso si tratta di un ex fumatore.

 

Precedente La storia di Manuela, smettere di fumare al CPCT di Catania
Prossimo USA: sostituire l'e-cig alle sigarette convenzionali farebbe quasi 7 milioni di morti in meno

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Storie di svapatori

La storia di Nicolas, un ex fumatore salvato dallo sport

Come spesso capita il primo tiro di sigaretta lo feci all’età di 16 anni, ero giovane, stupido e facilmente influenzabile e così spinto da un amico decisi di provare; da allora per ben 9 anni ho fumato fino ad un massimo di 20 sigarette al giorno. Poi lo sport mi ha dato una lezione …

Approfondimenti

Nuovo studio e-cig: corretto utilizzo, massima efficienza e zero rischi.

Le sigarette elettroniche possono generare alti livelli di aldeidi in condizioni di laboratorio e se sottoposte a surriscaldamento forzato, ma gli svapatori non sono esposti ad aldeidi durante il normale uso quotidiano. A testimoniarlo è il nuovo studio firmato dal dott. Farsalinos.

Approfondimenti

Nuovo studio del gruppo di ricerca del Prof. Polosa – Le sigarette elettroniche sono utili nella cura della BPCO

Ennesima prova scientifica a sostegno delle sigarette elettroniche. Secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista Respiratory Research l’uso di e-cig può aiutare i fumatori affetti da BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) a ridurre o addirittura a smettere definitivamente di fumare con ricadute positive in termini di migliorata sintomatologia e qualità della vita.