La storia di Nicolas, un ex fumatore salvato dallo sport

La storia di Nicolas, un ex fumatore salvato dallo sport

Ciao a tutti,

sono Nicolas e un anno fa ho vinto la mia più grande battaglia: quella contro il fumo

Come spesso capita il primo tiro di sigaretta lo feci all’età di 16 anni, ero giovane, stupido e facilmente influenzabile e così spinto da un amico decisi di provare; da allora per ben 9 anni ho fumato fino ad un massimo di 20 sigarette al giorno.

Fumare per me era tutto, senza mi sentivo debole, frangibile e sempre nervoso; provai più volte a smettere ma senza risultati, usciva sempre il fumatore quando le cose non funzionavano.

Finchè un giorno scoprii la corsa, correre mi faceva sentire bene, correvo ovunque: su strada, in montagna e nuotavo nel tempo libero; per quanto mi allenassi però sentivo sempre che mi mancava quel “qualcosa” rispetto agli altri con i quali mi misuravo e fu allora che capii che il mio vero limite erano loro: le sigarette.

Così una domenica sera, dopo una giornata di sport, fatica ed affanni mi convinsi a dire STOP.

Nella mia testa scattò qualcosa, un pensiero, una forma di ripudio verso quella cosa che fino al giorno prima era stata la mia dipendenza più grande e da allora iniziai in modo risoluto non più soltanto a “DIRE” ma anche a “PENSARE”: “io non sono un fumatore”.

Beh a distanza di un anno quel pensiero ancora oggi si mantiene forte in me, ho riscoperto un gusto del vivere che prima non ricordavo di avere; gusto i cibi in un modo incredibile ed ora posso definirmi un atleta a tutti gli effetti con mezze maratone e corse di trail all’attivo ed in continua crescita.

Scappare dallo spettro del fumo non è facile, ma posso garantire a tutti che la vera forza risiede ancora dentro ognuno di noi e che ciò che noi “proviamo” spesso a livello corporeo non è altro che ciò che “pensiamo di provare”; basta poco, basta dire a se stessi in modo risoluto: “io non sono un fumatore”.

Ora, rivedendomi a 16 anni, la sera di quel fatidico “primo tiro”, penso che forse avrei davvero voluto aver vicino qualcuno che mi dicesse “fermati! che fai!?”; perché credetemi che in fede vi dico: “non vi è sport più stupido della sigaretta”.

Precedente L'eurodeputato La Via invita i più grandi scienziati al mondo per parlare di e-cig a Bruxelles
Prossimo Polosa moderatore all'American Academy di Allergologia, Asma e Immunologia per parlare di e.cig

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

L’intervento del prof. Riccardo Polosa all’FDA statunitense per una migliore regolamentazione delle e-cig

“Sono prima di tutto un medico che ogni giorno visita pazienti affetti da patologie fumo correlate. Il mio gruppo di lavoro si occupa da anni della ricerca clinica e comportamentale

News

ISPM 2019: la scuola per Project Manager diventa un’opportunità concreta per due partecipanti

La ISPM International Summer School on Project Management del CoEHAR si è trasformata in una vera e propria opportunità per due dei partecipanti al corso: Marta Mangione e Hesham Nasr, entrambi selezionati per coordinare due dei progetti di ricerca in corso in questi mesi all’interno del CoEHAR.

Iniziative

Discussa in Parlamento la lettera consegnata al Ministro Lorenzin dal Comitato Scientifico LIAF

Una due giorni di eventi importanti quelli appena trascorsi per la Lega Italiana Anti Fumo, la lettera firmata dal Comitato Scientifico LIAF arriva in discussione al Parlamento e sempre a Roma numerosi parlamentari si incontrano per parlare di tabagismo e di possibili soluzioni alternative per combattere il fumo.