La traversata dello Stretto di Messina a sostegno della Ricerca

La traversata dello Stretto di Messina a sostegno della Ricerca

La Traversata dello Stretto di Messina per simboleggiare concretamente il nuovo legame scientifico tra la Sicilia ed il resto del mondo.

Derek Yach, presidente della Foundation For a Smoke Free World ha attraversato ieri a nuoto lo Stretto di Messina in un tempo quasi da record.In meno di 1 oraprimo tra i 30 partecipanti alla manifestazione, Derek ha toccato terra a Cannitello – Scilla (in Calabria).

Ad assistere all’impresa e a supportarlo c’era il direttore del CoEHAR, Riccardo Polosa insieme ad alcuni membri dello staff del CoEHAR e dell’Università  degli Studi di Catania.

“Come Derek Yach ha attraversato lo Stretto in tempi sorprendenti, noi al CoEHAR riusciremmo a rivoluzionare il mondo in tempi rivoluzionari”.

Lotta al fumo: le immagini della traversata dello Stretto di Messina [VIDEO]

Lo Stretto di Messina a nuoto: l’intervista a Derek Yach e Riccardo Polosa [VIDEO]

Precedente 9 NUOVI PROGETTI DI RICERCA PER SMETTERE DI FUMARE E RIDURRE IL DANNO DA FUMO
Prossimo Derek Yach for the CoEHAR

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 237 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Nuovo studio del gruppo di ricerca del Prof. Polosa – Le sigarette elettroniche sono utili nella cura della BPCO

Ennesima prova scientifica a sostegno delle sigarette elettroniche. Secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista Respiratory Research l’uso di e-cig può aiutare i fumatori affetti da BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) a ridurre o addirittura a smettere definitivamente di fumare con ricadute positive in termini di migliorata sintomatologia e qualità della vita.

News

Sigaretta elettronica: tutta una questione di interessi finanziari

Siamo rimasti positivamente sorpresi nell’apprendere del voto dei membri del Parlamento Europeo contro la regolamentazione farmaceutica delle sigarette elettroniche, proposta dalla Commissione europea, durante la prima lettura della Direttiva sui

Storie di svapatori

Per alcuni fumatori, la e-cig è solo una esperienza passeggera che permette di smettere completamente

E’ con piacere che oggi vi proponiamo il messaggio appena arrivato sulla nostra posta LIAF dedicata alle storie di svapatori. Il nostro amico Luca ha smesso di fumare da 10 giorni e noi gli auguriamo un grande in bocca al lupo. Sperando che la sua piccola battaglia vinta oggi possa presto rappresentare l’uscita definitiva dal tabagismo.