La voglia di fumare si sconfigge con la serenità

La voglia di fumare si sconfigge con la serenità

“La voglia di fumare si sconfigge con la serenità” – se questo concetto vi sembrerà banale, leggendo questo articolo capirete che non lo è per nulla.

La voglia di fumare è  una richiesta urgente delle nostre strutture sub-corticali di alleviare qualsiasi disagio, banale o serio esso sia. Ma è una voglia che si può combattere con un lavoro su noi stessi, un lavoro che ci aiuti a ritrovare una semplice serenità. 

La voglia di fumare è infatti un processo subliminale giacché ogni qualvolta si fuma la nicotina, non solo estingue la crisi d’astinenza quando ne è essa stessa fautrice, ma induce il rilascio di dopamina, molecola in grado di attivare il centro del piacere (nucleus accumbens). Si crea così un’associazione positiva.

La psiche trova nella sigaretta la panacea di tutti i mali e ne ricorrerà alla stessa maniera in cui si usa un rubinetto d’acqua, miscelando quella calda che rappresenta la sigaretta, per mitigare quella fredda che rappresenta il disagio.

E` un meccanismo inconscio cui la nostra forza di volontà nulla può, giacché è un processo a cascata, un automatismo spontaneo, che consuma inesorabilmente qualsiasi istanza volitiva (da latino volo, io voglio).

Un modo alternativo per smettere di fumare può essere quello di far leva sui meccanismi inconsci. Ma più di ogni altra cosa occorre trovare serenità con se stessi per concentrasi sul dal fare.

L’importante è pensare fuori dagli schemi abituali che ci hanno abituato a credere che per smettere bisogna soffrire nel nome della forza di volontà. 

La serenità ci porterà a trovare la soluzione più idonea per smettere ed il metodo più adatto alle nostre esigenze.

Oggi i metodi per smettere di fumare sono davvero tanti e molti di questi risultano più efficaci di altri. Ricordate che proprio nel momento di decidere come smettere, farsi consigliare o farsi seguire da professionisti del settore del counselling antifumo è sempre e comunque una buona idea. 

 

Foto-articolo-e1445338895612 (2)

Articolo inviato dal dott. Valerio Pavoni, farmacista ed esperto di metodi per smettere di fumare

Precedente Rosalia Emma
Prossimo Help Card, con LIAF arrivano gli sconti in Sanità

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

Caro Prof, i tuoi principi saranno la nostra missione

8 novembre 2016 – Muore Umberto Veronesi. Il Comitato Scientifico per la Ricerca sulle Sigarette Elettroniche, di cui l’oncologo era membro ufficiale fin dalla sua costituzione, avvenuta in seno alla LIAF – Lega Italiana Anti Fumo nello scorso luglio, esprime il più profondo cordoglio alla famiglia dell’amico e collega che si era unito insieme a tanti altri eminenti scienziati nella lotta al tabagismo tramite l’uso delle sigarette elettroniche.

Consigli per smettere

DIABETE NEGLI OVER 60: QUANTO INCIDE IL FUMO?

Fumare non è solo causa di patologie riconducibili alla sigaretta convenzionale, ma crea una serie di complicanze per altre patologie come il diabete

Comunicati stampa

Una nuova revisione suggerisce che l’uso delle sigarette elettroniche non solleva preoccupazioni significative sulla salute

Secondo una nuova revisione scientifica condotta dal prof. Riccardo Polosa, i fumatori dovrebbero essere fiduciosi che lo svapo è molto meno dannoso per i polmoni rispetto al fumo di sigarette convenzionali.