Ecig e cancro ai polmoni: rischio 50 mila volte inferiore rispetto alle bionde

Ecig e cancro ai polmoni: rischio 50 mila volte inferiore rispetto alle bionde

Le sigarette elettroniche sono meno dannose rispetto alle bionde e il rischio di cancro ai polmoni è 50 mila volte inferiore. I dati arrivano dallo studio coordinato dal dott. Mauro Scungio del Dipartimento di di Ingegneria dell’Università di Cassino.

Il tema del World No Tobacco Day di quest’anno è proprio la tutela della salute dei polmoni.

Non si può a rigore dire che la sigaretta elettronica non è cancerogena ma queste sostanze sono presenti in quantità talmente piccole che sono davvero trascurabili” – ha detto il dott. Scungio.

Non si tratta di riduzione del danno ma di salvarsi la vita.

Mauro Scungio

“Il rischio di insorgenza di tumore per la sigaretta elettronica – ha continuato il coordinatore del gruppo di ricerca – così come calcolato dal modello matematico, è dovuto alla presenza di composti quali in cadmio, nickel e nitrosammine (NNN e NNK), sostanze classificate come cancerogene certe (appartenenti alle sostanze del Gruppo 1 definito dalla IARC). La presenza di tali sostanze nei vapori prodotti dalla sigaretta elettronica è stata riscontrata in diversi studi ed è riportata in diverse pubblicazioni scientifiche. In particolare, pare che la presenza di nickel e cadmio sia imputabile all’elettronica di tali dispositivi (in particolar modo all’interazione tra il liquido e l’elemento scaldante, per la presenza delle saldature tra i componenti). La presenza delle nitrosammine, invece, è stata riscontrata solo nei liquidi contenenti nicotina”.

Quali possono essere i possibili miglioramenti da apportare a questi strumenti in campo scientifico e tecnologico secondo lei?

“Non posso dare indicazioni in merito dal momento che l’obiettivo dei nostri lavori non riguarda le possibili evoluzioni dei dispositivi ma piuttosto la caratterizzazione delle loro emissioni in termini di sostanze emesse e loro impatto sull’ambiente e sulla salute”.

“Seppur si tratta di una stima da modello matematico – ha commentato il prof. Riccardo Polosa – si stabilisce un rischio per cancro al polmone circa 50.000 volte più basso rispetto all’uso di sigarette convenzionali!”.

Precedente AMT E COEHAR TI AIUTANO A SMETTERE DI FUMARE
Prossimo Il CoEHAR aiuta gli abbonati di AMT a smettere di fumare

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 233 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

GTNF 2018 a Londra, l’atteso intervento del prof. Polosa

“Stiamo attraversando un periodo di cambiamento epocale e, come molti sanno, da un cambiamento può nascere una grande opportunità – ha detto Polosa intervenendo alla conferenza stampa d’apertura della manifestazione. – seguire questo cambiamento però – ha spiegato – significa anche monitorare i percorsi della scienza e criticarli nel modo più giusto”

Approfondimenti

DIABETE NEGLI OVER 60: QUANTO INCIDE IL FUMO?

Fumare non è solo causa di patologie riconducibili alla sigaretta convenzionale, ma crea una serie di complicanze per altre patologie come il diabete

Comunicati stampa

Polosa sulle sigarette light: l’analogia con le elettroniche è fallace

Riccardo Polosa interviene su alcune delle informazioni riportate sul dossier di Repubblica del 6 Novembre. Sulle sigarette light la questione era diversa.