Le elettroniche vanno bene anche per i malati di tumore

Le elettroniche vanno bene anche per i malati di tumore

Lo abbiamo sostenuto centinaia di volte. Le e-cig vanno bene anche per i malati di tumore se aiutano a smettere di fumare.

A sostenerlo oggi sono anche gli oncologi. Con un editoriale pubblicato sull’organo ufficiale del congresso Asco (American Society Clinical Oncology) di Chicago, Anthony J. Alberg, direttore del dipartimento di Epidemiologia e biostatistica dell’University of South Carolina ha affermato: “Il  rischio per i malati di cancro di continuare a fumare è così pericoloso che ogni strategia per aiutarli a staccarsi dalle sigarette deve essere presa in considerazione , le e-cig rientrano in questa possibilità” .

Come vi abbiamo raccontato di recente anche il prof. Mauro Scungio del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Cassino ha asserito che “la sigaretta elettronica rispetto alle tradizionali non è cancerogena e il rischio di cancro ai polmoni è 50 mila volte inferiore”. 

Per il prof. Riccardo Polosa, direttore del CoEHAR dell’Università di Catania, si tratta di una teoria per niente nuova: “Ma sono lieto di leggere nuovi studi che confermano la nostra tesi. Vi ricordo che si muore per il catrame non per la nicotina ed è per questo che le sigarette elettroniche non fanno venire il cancro”

Precedente Il CoEHAR aiuta gli abbonati di AMT a smettere di fumare
Prossimo Dal 13 al 15 Giugno, torna il GFN di Varsavia

Autore

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro 33 articoli

Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Recensione dell'editore

Summary

"Il rischio per i malati di cancro di continuare a fumare è così pericoloso che ogni strategia per aiutarli a staccarsi dalle sigarette deve essere presa in considerazione , le e-cig rientrano in questa possibilità" .

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Netflix dice stop al fumo

Netflix, il gigante della tv in streaming, ha appena annunciato che d’ora in poi le sue produzioni originali destinate a un pubblico giovane non avranno scene in cui gli attori fanno uso di tabacco.

Curiosità

“Iqos come le bionde” è la geniale conclusione di un nuovo studio fatto male

Il prof. Massimo Caruso commenta il nuovo studio condotto sui dispositivi Iqos: “un gruppo che non ha nemmeno i rudimenti della ricerca sul fumo!”

Approfondimenti

Linda Bauld è il nuovo membro del Comitato Scientifico LIAF

All’indomani della pubblicazione del nuovo report sulle sigarette elettroniche di Public Health England, Linda Bauld, una delle autrici di questo storico documento, entra a far parte del Comitato Scientifico internazionale per la ricerca applicata alle sigarette elettroniche.