Lidia Proietti è il nuovo Presidente della LIAF

Lidia Proietti è il nuovo Presidente della LIAF

 “E’ con estremo piacere che ho accettato l’incarico di Presidente della LIAF, oramai da anni importante punto di riferimento per la lotta contro il fumo – ha dichiarato il neo Presidente Prof.ssa Lidia Proietti – Sono grata per la fiducia che mi è stata accordata e mi impegno ad essere all’altezza, sia sul piano
scientifico che organizzativo, dei Presidenti che mi hanno preceduta, soprattutto – ha aggiunto – adesso che la LIAF è impegnata nel sostegno della ricerca sul fumo elettronico”.
Il dott. Pacino lascia la Presidenza dopo cinque anni di mandato, portato a termine con grande impegno e costanza. “In questi anni siamo riusciti ad avviare e concludere tanti progetti importanti che hanno consentito di diffondere la cultura antifumo a 360 gradi. Al mio successore, a cui auguro buon lavoro,
lascio un compito arduo, ma sono sicuro che saprà con forza e determinazione portare avanti le battaglie di LIAF”.
Una Presidenza importante quella del dott. Pacino che lascia in eredità tante iniziative avviate con entusiasmo e portate avanti con successo.
Solo per citarne alcune, ricordiamo:
– il progetto europeo U-BIOPRED sull’asma grave e sul ruolo del fumo su questa patologia
– il progetto volto a misurare l’influenza di stand espositivi per la sigaretta elettronica sul numero di accessi al Centro Antifumo dell’Azienda “Policlinico-V. Emanuele” di Catania
– il progetto DIASMOKE volto a valutare il miglioramento del quadro clinico e delle complicanze nei fumatori diabetici che smettono grazie all’utilizzo di un nuovo farmaco (Vareniclina)
– l’intensa attività di ricerca culminata con lo studio per chiarire l’efficacia e la sicurezza delle sigarette elettroniche (es. Studio ECLAT)
– nell’ambito della sigaretta elettronica, il sostegno continuo alle istituzioni, ai media, alle associazioni di categoria e ai consumatori:
Partecipazione al primo appuntamento istituzionale sulla e-cig alla Camera dei Deputati

Positivo anche il giudizio espresso dal Responsabile scientifico di LIAF, Prof. Riccardo Polosa, che congratulandosi con il neo Presidente ha ricordato la necessità di continuare a portare avanti la battaglia contro le patologie fumo-correlate.
“Sono grato al Presidente Pacino per l’attività condotta in questi anni, ed esprimo le mie più sincere congratulazioni alla Prof.ssa Proietti, grande esperta di salute pubblica. Sono convinto che le battaglie della LIAF continueranno – ha aggiunto Polosa – per rendere maggiormente consapevoli i fumatori del rischio che corrono, per tutelare i non fumatori, e per sostenere la ricerca scientifica sul tabagismo e sulla sigaretta elettronica”.
LIDIA PROIETTI
Nata a Roma nel 1947, Lidia Proietti è già direttore di UOC di Medicina del Lavoro e Medico Competente Coordinatore, nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico V. Emanuele di Catania. Docente di Medicina del Lavoro presso l’Università di Catania, è anche socia della Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale (SIMLII, ) e della Società Italiana di Radioprotezione Medica (AIRM). La sua attività scientifica si compendia di numerose pubblicazioni a stampa su riviste italiane e straniere, relazioni e comunicazioni a Congressi nazionali ed internazionali. Ha svolto e coordinato attività di ricerca nell’ambito dell’Igiene del lavoro, delle Patologie da lavoro, delle problematiche ambientali ed occupazionali, della promozione della salute dei lavoratori con particolare riguardo anche alle problematiche legate alla abitudine al fumo dei lavoratori. Alcuni lavori scientifici relativi alla abitudine al fumo sono stati fatti in collaborazione con il Prof. R. Polosa.
Precedente Gli esperti invitano l'EU a tener conto delle evidenze scientifiche per una regolamentazione equilibrata delle e-cig
Prossimo La protesta - Svapo Day, uniti contro la tassa sulle e-cig

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

L’uso di sigarette elettroniche può invertire il danno causato dal fumo di tabacco nei pazienti con BPCO, anche nel lungo termine

Nuovo studio del team Polosa dimostra che l’uso di sigarette elettroniche può invertire alcuni dei danni derivanti dal fumo di tabacco nei pazienti con broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO). Inoltre, l’uso della e-cig sembra migliorare i parametri obiettivi e soggettivi della BPCO anche nel lungo periodo.

Iniziative

Polosa al simposio internazionale sulle e-cig: “Potranno essere usate per somministrare farmaci”

In Francia, in queste ore, il Simposio internazionale dedicato alle sigarette elettroniche per smettere di fumare. Tra i relatori c’è anche Riccardo Polosa, con l’atteso intervento sulle future applicazioni della sigaretta elettronica alla medicina: “Le elettroniche potrebbero essere impiegate anche nella somministrazione di farmaci, assicurando una migliore efficacia, semplificando i metodi tradizionali e soprattutto assicurando una maggiore aderenza per i pazienti”.

In evidenza

Giancarlo Antonio Ferro, il nuovo membro del Comitato Scientifico esperto di legislazione antitabacco

Il prof. Giancarlo Antonio Ferro, docente di Diritto Costituzionale presso l’Università di Catania, è il nuovo membro del Comitato Scientifico Internazionale per la ricerca sulle sigarette elettroniche.