L’UNIVERSITA’ DI CATANIA GUIDA LA LOTTA INTERNAZIONALE AL FUMO

Inaugurato questa mattina il nuovo Centro di Eccellenza per la Riduzione del Danno da sigaretta

Catania 20 Dicembre 2018 – L’Università di Catania da oggi è al centro della ricerca scientifica internazionale per la lotta contro il fumo. Nella sede della Torre Biologica “Ferdinando Latteri” dell’Ateneo è stato infatti inaugurato il primo Centro di Eccellenza per la Riduzione del Danno da Fumo diretto dal professore Riccardo Polosa. Lo scienziato catanese, considerato l’autore più produttivo al mondo del settore, guiderà un team di ricerca formato da più di quaranta docenti afferenti a numerosi dipartimenti dell’ateneo che a loro volta collaboreranno con gruppi di ricerca provenienti da decine di università estere.

Il CoEHAR è, infatti, un consorzio scientifico internazionale con sede principale a Catania che promuoverà e avvierà progetti di ricerca innovativi per la riduzione del tabagismo. Il Centro ingloba al suo interno il CPCT – Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo del Policlinico Vittorio – Emanuele di Catania, la CRO locale (Clinical Research Organization), i laboratori di microbiologia e una rete selezionata di biologia cellulare e molecolare. Inoltre, il Centro si avvale del sostegno della Lega Italiana Anti Fumo – LIAF e di ECLAT, lo spin off fondato all’interno dell’ateneo.

“Vogliamo contribuire alla rivoluzione globale che sta gettando le basi per un mondo senza fumo attraverso un approccio scientifico innovativo e creativo che intende diffondere strategie e strumenti per ridurre i danni, grazie al supporto di un network internazionale in grado di sviluppare scienza e conoscenza. La nostra missione è quella di accelerare gli sforzi della ricerca per arrivare a ridurre l’impatto dell’abitudine tabagica sulla salute pubblica mondiale”, ha spiegato il direttore Riccardo Polosa davanti a una platea gremita di docenti, giovani ricercatori e un gruppo numeroso di studenti delle scuole superiori.

Polosa ha poi definito “una strage inutile” i milioni di decessi in tutto il mondo dovuti a malattie fumo-correlate. “Con questa iniziativa, per la quale ringraziamo l’impegno e l’assiduità del prof. Polosa e del suo staff di collaboratori – ha aggiunto il rettore Francesco Basile -, l’Università di Catania fa un passo avanti non soltanto nella direzione della ricerca, ma soprattutto dell’assistenza e degli aspetti sociali legati alla prevenzione dei rischi. Il valore aggiunto del Cohear consiste soprattutto nella sua interdisciplinarietà, e grazie all’attività dei nostri ricercatori e alle risorse che abbiamo messo in campo, sono certo che potrà divenire un punto di riferimento per il territorio regionale e fonte di soluzioni scientifiche per tutto il mondo. E mi auguro, soprattutto, che riusciremo a ridurre in maniera tangibile il numero di fumatori”.

Il CoEHAR afferisce al dipartimento Medclin diretto dal prof. Francesco Purrello che nel corso dell’incontro, moderato dal giornalista Luca Ciliberti, ha spiegato: “Abbiamo accolto l’idea con grande entusiasmo perché risponde alla nostra esigenza di razionalizzare, coordinare e puntare sull’interdisciplinarietà delle competenze, sulla collaborazione nella ricerca e sulla cooperazione internazionale”.

Un convinto sostegno al progetto, insieme con la massima disponibilità a cooperare su iniziative specifiche riguardanti l’educazione alla salute e la prevenzione dei rischi, è giunto dalla dott.ssa Francesca Catalano, primario di Senologia al Cannizzaro e consulente dell’assessore alla Salute della Regione siciliana Ruggero Razza, dal neo-presidente dell’Ordine dei Medici di Catania Diego Piazza, e dagli assessori alla salute Giuseppe Arcidiacono e all’istruzione Barbara Mirabella, in rappresentanza del sindaco di Catania Salvo Pogliese. Dopo gli interventi del presidente della Lega Italiana Anti Fumo Ezio Campagna e del coordinatore del Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, Pasquale Caponnetto, sono stati premiati il vincitore del bando di concorso per la realizzazione del logo CoEHAR, la dott.ssa Lucia Motta, e le tre scuole del territorio etneo che hanno partecipato al progetto “Education for a Smoke Free World” presentando dei video amatoriali sul tema.

GUARDA LE FOTO DELLA CERIMONIA

Previous Primo evento inaugurale per i membri del CoEHAR ospiti ieri sera al Teatro Massimo Bellini di Catania
Next Gli auguri del Ministro Grillo ai ricercatori del CoEHAR

About author

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 186 posts

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

View all posts by this author →

You might also like

In evidenza

La voglia di fumare si sconfigge con la serenità

“La voglia di fumare si sconfigge con la serenità” – se questo concetto vi sembrerà banale, leggendo questo articolo capirete che non lo è per nulla.
La voglia di fumare è una richiesta urgente delle nostre strutture sub-corticali di alleviare qualsiasi disagio, banale o serio esso sia masi può combattere con un lavoro su noi stessi, un lavoro che ci aiuti a ritrovare una semplice serenità.

News

I medici fumano più dei loro pazienti

Recenti sondaggi indicano come, nel nostro Paese, la percentuale di medici col “vizio” sfiora il 40%; venti volte più che negli Usa, dove la percentuale si attesta intorno al 2%! Questo

News

Gran Bretagna: una relazione rivela che l’uso dei farmaci per smettere di fumare non aumenta le possibilità di successo

La notizia eclatante però è che non vi è differenza in termini di astinenza dal fumo di sigaretta tra chi smetteva con l’aiuto dei farmaci antifumo (es. cerotti, buproprione, e