Mario Malerba è il nuovo membro del Comitato Scientifico

Mario Malerba è il nuovo membro del Comitato Scientifico

Il prof. Mario Malerba, docente di Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università del Piemonte Orientale di Novara, è il nuovo membro del Comitato Scientifico Internazionale per la ricerca sulle sigarette elettroniche.

Prof. Mario Malerba

Da anni, Malerba svolge la sua attività clinica presso la Clinica Medica Universitaria di Brescia. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche e ricerche sugli aspetti biologici connessi al fumo di sigaretta con metodiche non invasive come la misurazione dell’ossido nitrico esalato delle vie aeree, la misurazione di biomarkers ossidativi ed infiammatori nell’espettorato indotto e nell’esalato condensato delle vie aeree nei soggetti fumatori asintomatici e nelle patologie ostruttive fumo correlate. Inoltre, nelle sue ricerche ha focalizzato l’attenzione sulle alterazioni precoci evidenziabili a livello respiratorio, collegate alla esposizione cronica al fumo di sigaretta.

Precedente La bionda e l'elettronica come "l'elefante e il topolino"
Prossimo Dal 15 al 17 Giugno a Varsavia torna il GFN 2017

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

A Catania, l’autobus della salute contro il fumo

Domenica 6 Ottobre dalle 10 alle 20 nel Lungomare di Catania al via Lungomare Fest Salute. Sarà possibile effettuare gratuitamente la misurazione del monossido di carbonio e usufruire della consulenza antifumo dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

In evidenza

Eurospin e LIAF: le video testimonianze di chi ha smesso di fumare

Si conclude il primo anno di collaborazione fra LIAF ed Eurospin Sicilia, la prima azienda in Italia che ha deciso di collaborare con i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo per far smettere di fumare i propri dipendenti.

Comunicati stampa

Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

Dal 2018 la Santa Sede smetterà di vendere (con lo sconto) sigarette ai propri dipendenti, religiosi e diplomatici. Questa è la clamorosa notizia delle ultime ore. “Una decisione di portata epocale che potrebbe