Mario Malerba è il nuovo membro del Comitato Scientifico

Mario Malerba è il nuovo membro del Comitato Scientifico

Il prof. Mario Malerba, docente di Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università del Piemonte Orientale di Novara, è il nuovo membro del Comitato Scientifico Internazionale per la ricerca sulle sigarette elettroniche.

Prof. Mario Malerba

Da anni, Malerba svolge la sua attività clinica presso la Clinica Medica Universitaria di Brescia. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche e ricerche sugli aspetti biologici connessi al fumo di sigaretta con metodiche non invasive come la misurazione dell’ossido nitrico esalato delle vie aeree, la misurazione di biomarkers ossidativi ed infiammatori nell’espettorato indotto e nell’esalato condensato delle vie aeree nei soggetti fumatori asintomatici e nelle patologie ostruttive fumo correlate. Inoltre, nelle sue ricerche ha focalizzato l’attenzione sulle alterazioni precoci evidenziabili a livello respiratorio, collegate alla esposizione cronica al fumo di sigaretta.

Precedente La bionda e l'elettronica come "l'elefante e il topolino"
Prossimo Dal 15 al 17 Giugno a Varsavia torna il GFN 2017

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Fumatori incalliti: sigarette elettroniche efficaci per smettere

L’Italia pubblica sul Journal of Medicine Case report (Bmj) i primi risultati al mondo ottenuti con le sigarette elettroniche su fumatori ostinati I ricercatori del Centro Prevenzione e Cura del

News

USA: l’FDA non ha l’autorità per disciplinare l’e-cigarettes

La Corte d’Appello di Washington DC ha deciso che la Food and Drug Administration non può valutare le sigarette elettroniche come farmaco. L’FDA ha chiesto al Governo l’Appello alla Corte Suprema. Si resta in attesa di una regolamentazione più esaustiva per le sigarette elettroniche.

In evidenza

Al CoEHAR il primo training formativo del progetto “Replica”

Dal 25 al 28 Novembre il CoEHAR ospita i partner internazionali del progetto Replication Studies, il secondo dei nove progetti avviati lo scorso Giugno al Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, diretto dal prof. Riccardo Polosa.