No Tobacco Day 2015: “Realtà  virtuale per smettere di fumare”

No Tobacco Day 2015: “Realtà virtuale per smettere di fumare”

“La Realtà Virtuale per smettere di fumare” – è il nuovo progetto di ricerca presentato martedì 26 maggio nell’ambito dell’incontro “Tabagismo e Vapagismo” organizzato come ogni anno dalla Lega Italiana Antifumo in occasione del No tobacco Day, che si è tenuto nell’Aula Magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Catania.

IMG_1321Si tratta di una nuova alternativa per smettere di fumare che sarà studiata scientificamente grazie alla collaborazione tra la LIAF, il Centro Antifumo dell’Università di Catania e la nota startup Behaviour Labs. Grazie all’accordo firmato dal presidente LIAF, Lidia Proietti, da Riccardo Polosa e dal cofondatore di Behaviour Labs, Daniele Lombardo, sarà possibile in questi mesi lavorare ad un nuovo protocollo di ricerca che ha l’obiettivo di creare un software in grado di motivare i fumatori a smettere grazie all’utilizzo di un visore elettronico attraverso il quale gli stessi fumatori potranno immergersi in una realtà in 3D capace di mostrare realisticamente i gravi danni causati dal fumo. “Un’alternativa innovativa per smettere di fumare che potrà arricchire ed implementare in maniera rivoluzionaria il mondo della tecnologia applicata al sociale – ha detto Riccardo Polosa -. Un’idea che potrebbe cambiare nel tempo l’approccio scientifico e medico alla cura e prevenzione delle malattie fumo correlate”.

Anche da parte del team Behaviour Labs – ancora alle prese con il successo internazionale del IMG_1085software per robomate di “Zeno”, ossia il robot in grado di aiutare i bambini autistici ad affrontare meglio la malattia – è stato dimostrato grande entusiamo per questa nuova collaborazione. Daniele Lombardo ha illustrato alla platea gli elementi innovativi dell’utilizzo della Realtà Virtuale che coniugherà la tecnologia in 3D all’aspetto psicologico del counselling antifumo. Ed è proprio in questo contesto, ha spiegato Pasquale Caponnetto, coordinatore del Centro Antifumo del Policlinico: “Che questo nuovo ausilio mira ad attirare la classe di fumatori tipicamente più disinteressata a smettere, tra questi molti giovani, che con un incremento motivazionale potranno essere indotti a smettere di fumare e stabilire la condizione di ex fumatori”. La giornata dei lavori del convegno, realizzata anche grazie alla collaborazione dell’associazione studentesca Archè, ha visto al tavolo dei relatori tantissimi esperti del settore: “Perchè per combattere il fumo – ha spiegato Lidia Proietti – è necessario affrontare le relative problematiche con uno sguardo multidisciplinare”.

Per questo non sono mancati gli interventi dell’Area Biomedica con la relazione del Massimo Caruso sui benefici delle e-cig e Margherita Ferrante sui danni all’ambiente provocati dal fumo delle bionde. E ancora, non è mancata un’analisi attenta e approfondita della normativa antifumo in Italia e della annosa questione relativa alla regolamentazione delle sigarette elettroniche, tema affrontato brillantemente da Giancarlo Ferro. Venera Tomaselli ha descritto con dati alla mano la diffusione del fumo in Italia e l’allarmante aumento di giovani fumatori. Un report psicologico interessante e dinamico è stato inoltre offerto da una delle ricercatrici di LIAF e del Centro Antifumo, Marilena Maglia. Daniela Saitta ha spiegato le opportunità che la Ricerca può offrire al territorio catanese. Per affrontare al meglio la questione della sensibilizzazione dei giovani a smettere di fumare o a non iniziare del tutto, di particolare interesse sono stati, ancora, gli interventi di due dei massimi esperti di comunicazione in Italia, Amanda Jane Succi e Adriana Laudani.

17655_944088892320527_1642655548541872913_nInfine, in occasione dei dieci anni di attività della Lega Italiana Antifumo, Valeria Nicolosi, responsabile comunicazione LIAF, ha presentato alla platea la nuova piattaforma LIAF che da qualche settimana è anche il primo sito internet di Ricerca Antifumo in Italia.

Precedente Nuovo studio e-cig: corretto utilizzo, massima efficienza e zero rischi.
Prossimo GFN 2015: si conclude la più importante kermesse scientifica sulla nicotina

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

IL FUMO AGGRAVA IL DIABETE. IL COEHAR VAGLIA NUOVE SOLUZIONI PER SMETTERE

Nuovo report del CoEHAR (Centro di Ricerca per la Riduzione del danno da Fumo dell’Università di Catania) che affronta il problema del fumo e diabete a tutto tondo e pone le basi per delineare nuove e innovative soluzioni per la valutazione dell’impatto della sigaretta elettronica nel paziente diabetico fumatore. Il report “Smoking and Diabetes: Dangerous Liaisons and Confusing Relationships” è stato pubblicato in questi giorni sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetology & Metabolic Syndrome.

Curiosità

Benvenuto 2019 e STOP fumo!

Ebbene si! E’ il 31 dicembre la data più gettonata in assoluto per il “Quit smoking”. Oggi vi proponiamo 10 consigli utili per realizzare il vostro grande desiderio: smettere di fumare con successo in questo inizio del 2017! Diciamo, per gli scaramantici, che il 17 ci porterà fortuna!

Comunicati stampa

L’eurodeputato La Via invita i più grandi scienziati al mondo per parlare di e-cig a Bruxelles

“Sigarette elettroniche: un forte passo avanti per la salute pubblica europea” è questo il titolo del meeting che si terrà Martedì 20 Marzo alle ore 12 nella sede del Parlamento Europeo a Bruxelles. Un evento che, per la prima volta nella città belga, metterà al centro del dibattito internazionale tutte le evidenze scientifiche sullo svapo come alternativa valida e sicura al fumo di sigaretta convenzionale.