Nuova tassa sulla sigaretta elettronica: “Il pasticcio burocratico”

Nuova tassa sulla sigaretta elettronica: “Il pasticcio burocratico”

Dal primo gennaio 2014, come è noto, viene stabilito il prelievo fiscale del 58,5% sulle sigarette elettroniche. Ma per far si che questo dispositivo normativo venga messo in pratica era necessaria, come già precisato dal DL n. 76 del 2013, l’approvazione di uno specifico decreto attuativo da parte del Ministero dell’Economia entro il 31 ottobre 2013. Questa approvazione si è concretizzata ben oltre i termini stabiliti dal Decreto Legge.
Per il Presidente LIAF Sebastiano Antonio Pacino, la gaffe legislativa sembra abbastanza chiara: “Che dal primo gennaio la tassazione venga applicata o no ancora non è dato saperlo – ha dichiarato – ma che dietro l’approvazione del decreto ci sia un pasticcio burocratico è l’unica cosa che al momento sembra certa”.
Sul sito di LIAF il contenuto dell’articolo pubblicato da “Italia OggiAggiungi un appuntamento per oggi” e firmato dal giornalista Stefano Sansonetti che spiega l’iter burocratico della vicenda Il pasticcio burocratico e le accuse della Corte dei Conti circa i ritardi nella pubblicazione del testo decreto.
Precedente Convegno a Roma: "Sigaretta elettronica: benefici e rischi per la salute"
Prossimo Lettera aperta al Presidente della Repubblica. Appello di LIAF per la tutela della costituzione italiana

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Metodolo “Smetti&Vinci”? Per Riccardo Polosa sarebbe un: “Vinci&Perdi”

Può essere utile offrire incentivi economici, bonus o buoni acquisto di vario genere per convincere i fumatori a dire addio alle “bionde”? Nonostante l’entusiasmo di alcuni, per il prof. Riccardo Polosa (LIAF): “si tratta di un metodo non innovativo e poco efficace”.

News

Il “toast bruciato” di Polosa al Parlamento inglese

Riportando l’esempio del toast bruciato, Polosa ha spiegato alla Commissione Parlamentare inglese che molte delle notizie diffuse dai media si basano su valutazioni di laboratorio che non rispettano standard di riferimento ufficiali. 

In evidenza

Ecig – il silenzio non è tollerabile: la questione è la salute

Sono passati ancora pochi giorni dalla decisione della Corte Costituzionale che ha legittimato la tassa ed “il silenzio comincia già a far troppo rumore”. Un rumore assordante che sembra presagire il peggio: l’inesorabile abbandono della questione principale di tutta la vicenda, la salute. Ai microfoni di LIAF interviene anche il prof. Giancarlo Ferro.